Giappone: si è rotta la “Pietra della Morte” e adesso la Volpe a Nove Code è libera (Kurama sei tu?)

pietra della morte nasu volpe a nove code

Come se non bastassero due anni di pandemia e lo spettro della Terza Guerra Mondiale, dal Giappone arriva un’altro segno di grande sventura visto che la millenaria “Pietra della Morte” di Nasu si è rotta liberando, secondo la leggenda, lo spirito della Volpe a Nove Code.

Nella mitologia giapponese alcune volpi (kitsune) sono considerate dei demoni e, ovviamente, non fa eccezione quella che per il popolo nipponico è un’entità soprannaturale molto potente, quella stessa Volpe a Nove Code ispiratrice di Masashi Kishimoto che nel manga Naruto aveva eletto questo mitologico demone come cercotero che il Quarto Hokage del villaggio della Foglia sigillò dentro Naruto Uzumaki.

kurama volpe a nove code naruto

Si è rotta la pietra che sigillava lo spirito della Volpe a Nove Code

Questa grande pietra situata a Nasu, nella prefettura di Tochigi, e riconosciuta come punto panoramico di interesse nazionale sarebbe il sasso dentro cui negli ultimi 1000 anni è stata imprigionata una malvagia e potente volpe mutaforma. Tuttavia, la massiccia pietra recentemente si è spaccata in due parti, provocando paura tra la gente del posto perché visto come segno di grande sventura.

La leggenda della Volpe a Nove Code (Kyūbi no Kitsune)

La leggenda narra che Volpe a Nove Code si trasformò in una bellissima donna chiamata Tamamo-no-Mae con lo scopo di uccidere l’imperatore Toba, sovrano nipponico che regnò sul paese nel XII secolo, per poter regnare lei stessa sul Giappone.

Ma uno stregone di corte scoprì la vera identità della donna, costringendo il demone-volpe a fuggire a Nasu, dove si trasformò in un’enorme pietra con delle caratteristiche venature. Si narra che la malvagità del demone fuoriuscisse dalla pietra sottoforma di veleno capace di uccidere animali e persone che vi passavano accanto tanto che la roccia finì per essere conosciuta come “Pietra delle Morte”.

Questa terribile storia ha portato questa roccia a essere temuta e venerata per secoli tanto che, quando alcuni visitatori del sito hanno scoperto che la pietra si era divisa in due, la notizia ha cominciato a diventare virale sul web che adesso brulica delle più disparate teorie sulle possibili conseguenze catastrofiche.

A questo punto anche noi ci prepariamo al peggio e se dovessimo aver a che fare con Kurama di Naruto, non ci resta che confidare nelle abilità di un nuovo Hokage.