Ven 14 Giugno, 2024

Le News della settimana

spot_img

Potrebbe interessarti

Game of Thrones: l’attore Conleth Hill torna a parlare della “precipitosa” stagione finale

I fan di Game of Thrones non sono stati gli unici ad essere frustrati dalla stagione finale della serie. L’ultima stagione è sembrata così frettolosa da risultare ridicola, e la qualità della serie e della narrazione ne hanno risentito profondamente. Anche l’attore della serie, Conleth Hill, non è stato soddisfatto del finale di stagione e in una recente intervista al Times ha raccontato i suoi sentimenti riguardo alla fine della serie e di essere stato “inconsolabile” quando ha scoperto che il suo personaggio, Varys, sarebbe stato ucciso.

Per chi non lo ricordasse, Varys è stato bruciato a morte da un drago nell’ultimo episodio della stagione finale di Game of Thrones. Ma, a quel punto, Hill ha ammesso di essere diventato “frustrato” con la serie per non essere rimasta fedele al suo personaggio. Ha spiegato:

“Pensavo di aver fatto qualcosa di sbagliato. Fino alle ultime due serie non mi sono mai lamentato. Mi sono solo sentito frustrato nelle ultime due stagioni perché Varys non era più il personaggio onnisciente che era stato. Credo che gli sceneggiatori volessero fare una cosa per chiudere la serie e lo studio HBO ne volesse fare un’altra. Ho sentito che l’ultima serie è stata un po’ precipitosa. Ero inconsolabile, ma ora mi sta bene”.

Molte persone la pensano allo stesso modo dell’attore. L’autore di Game of Thrones, George R. R. Martin, ha dichiarato in precedenza di aver iniziato a preoccuparsi delle sorti della serie fantasy epica dopo la quinta stagione. Il rappresentante di Martin, Paul Haas, ha dichiarato che quando gli showrunner e scrittori Dan