Boy Kills World: follia e botte da orbi nel trailer del film post-apocalittico prodotto da Sam Raimi

boy kills world

Nonostanmte non sia lui il regista, si nota eccome la “visione” di Sam Raimi nel folle mondo post-apocalittico di Boy Kills World, film che si è mostrato con il suo primo trailer susictando in noi un bel po’ di interesse.

Una pellicola che, ricordando in alcuni momenti il topos narrativo del guerriero solitario in cerca di vendetta in un mondo assurdo come ne “L’Armata delle tenebre”, con una spolverata di piglio tarantiniane a là “Kill Bill” e idee narrative che riprendono concetti visti in “Hunger Games”, Boy Kills World si candida a essere una piccola perla.

Trailer, trama e data di uscita di Boy Kills World

Interpretato da Bill Skarsgard (IT), il film narra la storia di un ragazzo che giura vendetta dopo che la sua famiglia è stata assassinata da Hilda Van Der Koy, folle matriarca di una corrotta dinastia post-apocalittica che ha lasciato il ragazzo orfano, sordo e senza voce. Spinto da una voce interiore mutuata dal suo gioco preferito di quando era bambino, il protagonista si addestra con un misterioso sciamano (Ruhian) per diventare una macchina da combattimento e un avera arama umana, liberando tutta la sua furia vendicativa alla vigilia di un sangunario evento annuale organizzato come mattanza per i dissidenti. Tra carneficine e spargimenti di sangue, mnetre cerca di orientarsi in un mondo squlibrato retto da un potere assolutistico, il protagonista si imbatte presto in un disperato gruppo di ribelli, litigando nel frattempo con l’apparente fantasma della sua sorellina.

Diretto da Moritz Mohr e prodotto da Sam Raimi, Boy Kills World arriverà nelle sale cinematografiche statunitensi il 26 aprile 2024, mentre ancora non è stata comunicata nessuna data di uscita italiana.

Il cast del film, oltre a Skarsgard, vede la partecipazione di Jessica Rothe, Michelle Dockery, Brett Gelman, Isaiah Mustafa, Yayan Ruhian, Andrew Koji, Sharlto Copley e la “sempre splendida qualsiasi cosa faccia” Famke Janssen.

fonte