Trascorreva la quarantena su un’isola deserta a Disney World: arrestato

Cosa c’è di più geniale di passare il tempo dell’isolamento su di un’isola?

Un quarantaduenne della Florida è stato arrestato perché stava trascorrendo la quarantena su un’isola a Disney World, il parco divertimenti di Orlando eletto dal novello Robinson Crusoe a sua speciale e insolita dimora durante il lockdown.

Un uomo è stato arrestato perché stava trascorrendo la quarantena su “un’isola deserta” a Disney World, il parco divertimenti di Orlando

Perché trascorrere ore e ore tra il frigo e il divano di casa, ingurgitando smodate quantità junk food e guardando stagioni su stagioni di serie TV, quando si potrebbe passare il tempo in un posto da sogno che nessuno frequenta? Probabilmente è quello che avrà pensato Richard McGuire quando ha deciso di intrufolarsi nel parco divertimenti e stabilirsi sull’isola di Discovery Island, un vero e proprio “paradiso tropicale” come l’ha definito lo stesso McGuire quando è stato arrestato.

Il piccolo pezzo di terra a Bay Lake fu acquistato originariamente per essere trasformato in una zona del parco chiamata Tresure Island. Successivamente ribattezzata come Discovery Island, sull’isola fu costruito un piccolo zoo, gestito dalla stessa Walt Disney World. Purtroppo, gli elevati costi di gestione e lo scarso numero di visitatori convinsero la direzione del parco a chiudere l’attrazione nel 1999, abbandonando l’isola e le sue strutture dopo aver evacuato tutti gli animali presenti.

Leggi anche: Viola la quarantena e si intrufola all’interno di Disneyland: arrestato 18enne

Secondo il rapporto della polizia di Orange County, McGuire ha approfittato della chiusura del parco al pubblico a causa della pandemia per stabilirsi sull’isola, con l’intento di restarci almeno per una settimana.

Alcuni addetti del parco avevano notato un uomo a bordo di una piccola barca che fa da spola tra l’isola e la terraferma nella giornata di lunedì. Quando la polizia, allertata dai dipendenti di Disney World, è giunta sull’isola nella giornata di giovedì, ha utilizzato il sistema di filodiffusione posto sull’isola e ancora funzionante per avvisare l’uomo che che aveva violato una proprietà privata convincendolo a farsi prendere in custodia dagli agenti.

L’avventurosa quarantena di Richard McGuire si è conclusa così alla stazione di polizia, nemmeno il tempo di arrivare alla giornata di venerdì e, magari, trovare un amico sull’isola, fosse anche una palla da ribattezzare Wilson oppure COVID!

Cosa ne pensate di questa storia? Se aveste la possibilità di scegliere, dove vorreste trascorrere la quarantena? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

Fonte: Gizmodo

...e questo?
Jeeg Robot, il comune di Narni vorrebbe dedicare una strada al Robot d’Acciaio