Le origini de I Fantastici Quattro: Marvel svela da dove derivano il loro poteri

In attesa di sapere come e quando I Fantastici Quattro si uniranno all’Universo Cinematografico Marvel, ora che le IP della Fox appartengono alla Disney, l’originale versione fumettistica del primo team di supereroi Marvel ritorna con una nuova origin story che rivela l’origine de I Fantastici Quattro e dei loro poteri.

Il primo numero della nuova serie X-Men/Fantastic Four di Marvel ha svelato le origini de I Fantastici Quattro spiegando da dove derivano i loro poteri

Prima di procedere nella lettura dell’articolo, è bene avvisarvi che le prossime righe contengono spoiler su X-Men/Fantastic Four #1 che ha debuttato recentemente nelle fumetterie USA

Nell’ultimo anno, la Casa delle Idee ha lievemente riscritto la storia del gruppo di supereroi con l’attuale run dei I Fantastici Quattro firmata Dan Slott che ha rivelato come lo scienziato Reed Richards (Mr. Fantastic) fosse coinvolto in una corsa allo spazio per testare un motore sperimentale cha avrebbe spinto le astronavi a velocità superiori a quella della luce, con lo scopo di raggiungere un pianeta lontano. Tuttavia il sovrano di questo mondo extra solare, chiamato il Soprintendente, aveva visto arrivare la nave di Richards e, temendo l’impatto che i “visitatori” terrestri avrebbero avuto sulla società perfetta da lui creata, aveva deciso di usare la propria avanzatissima tecnologia per potenziare una tempesta cosmica per distruggere l’astronave. Il bombardamento di raggi cosmici potenziati ha però cambiato i passeggeri della nave cambiandoli per sempre e donando loro dei superpoteri.

Leggi anche: Empyre – Marvel annuncia il nuovo evento con Avengers e Fantastici Quattro uniti

Nel primo numero di X-Men / Fantastic Four di questa settimana, Reed Richards è intento a scoprire il motivo che sta portando all’esaurimento dei poteri di suo figlio Franklin. Lo scienziato ha il sospetto che la causa di ciò possa risiedere proprio nel modo in cui funzionano i poteri dei Fantastici Quattro, come rivelato dagli appunti di Mr. Fantastic sull’argomento:

«Sin dall’incidente che ci ha donato le nostre capacità extra, ho cercato di conciliare l’elevato dispendio energetico di ciascuno dei nostri poteri con il nostro apporto energetico fisiologico individuale che, apparentemente, è rimasto invariato. Le leggi più elementari della fisica rendono questa cosa  impossibile. All’inizio sospettavo che stessimo assorbendo energia extra dall’aria, forse radiazioni di basso livello, ma i valori non hanno mai trovato una corrispondenza.

Poi mi sono imbattuto nella ricerca della dott.ssa Rachna Koul, specializzata in imperiumology, la biologia dei superpoteri. Lei ha ipotizzato che i superumani siano collegati a una o più fonti di energia intradimensionali che ha soprannominato “Godpower”. Una solida teoria, anche se non riesco ancora a trovare quel nesso con i miei studi sui poteri dei Fantastici Quattro.

I poteri decrescenti di Franklin sembrano dare credito alla teoria di Godpower, poiché sembra che lui stia esaurendo l’energia necessaria per usare i suoi poteri. Se dovessimo credere che ci sia una fonte di Godpower, allora è possibile che la connessione di Franklin con quella fonte si sia interrotta. 

Il fatto che possa esistere o meno una cura, dipende dallo scoprire la prima prova della sua esistenza.»

Le “nuove” vecchie origini de I Fantastici Quattro

Le osservazioni di Richards avvalorano l’annoso dibattito che ha interessato il fandom Marvel. Infatti la dottoressa Rachna Koul, personaggio “recentemente” introdotto nella serie Two-in-One del 2018, con le sue teorie sostiene concetti già noti e contenuti nei manuali ufficiali dell’universo Marvel, pubblicazioni che sono spesso andate oltre quanto narrato nei fumetti nel tentativo di spiegare l’origine dei superpoteri, con la teoria interdimensionale che ha dei punti di contatto con le ipotesi della dottoressa Koul.

Queste spiegazioni, tuttavia, sono cambiate nel corso degli anni in maniera spesso incoerente, partendo da X-Men’s Cyclops, il manuale del 1983 che suggeriva come le sue esplosioni cosmiche avessero aperto canali verso altre dimensioni, ipotesi rettificata dal manuale pubblicato nel 1986, salvo ritornare “in auge” nell’edizione del 2004. Proprio la spiegazione fornita 16 anni fa è quella che si ritrova ora nel fumetto che spiega le origini de I Fantastici Quattro e dei loro poteri.

La teoria del Godpower è comunque qualcosa di sorprendente, poiché suggerisce che tutti i superumani dovrebbero essere considerati uguali. Per esempio, l’unica differenza tra i mutanti e I Fantastici Quattro, risiede nel fatto che i primi hanno sviluppato una connessione diretta con il Godpower, mentre i poteri di Mr. Fantastic, la Donna Invisibile, la Torcia Umana e la Cosa sono stati attivati dal bombardamento cosmico.

Fonte: Screenrant

...e questo?
panini comics fumetti marvel
Panini Comics: 30 capolavori Marvel a 0,99 € per alleviare la quarantena