Marvel vs DC: la rivalità dei fumetti nella docuserie “Slugfest” prodotta dai fratelli Russo

mrvel vs dc Slugfest

Marvel vs DC: la rivalità tra le due grandi realtà editoriali del mondo dei fumetti diventerà una serie TV diretta dai fratelli Russo, i registi di Avengers: Endgame.

I fratelli russo produrranno Slugfest, una docuserie che racconterà la storica rivalità del mondo dei fumetti che contrappone Marvel e DC Comics

Slugfest, questo il nome della produzione che si ispirerà al libro Slugfest: Inside the Epic, 50-year Battle between Marvel and DC, sarà diretta dalla coppia di registi Don Argott e Sheena M. Joyce che hanno già lavorato in Believer e Framing John DeLorean.

Stando a quanto riportato da Entertainment Weekly, lo show seguirà l’ascesa delle due rivoluzionarie società creative che sono diventate le case editrici di fumetti più importanti del mondo. Una corsa al vertice alimentata dall’intuizione competitiva e dall’ingegno creativo che ha portato alla nascita di un’indomita industria americana, sorgendo dal nulla e affondando le radici in un mondo, all’inizio poco considerato, ma che ha saputo far nascere mitologie moderne che hanno cambiato la cultura mondiale.

Slugfest promette di raccontare storie del dietro le quinte di questo dualismo, passando anche attraverso momenti di “convergenza” come il fumetto crossover ufficiale Marvel e DC degli anni ’70 con Superman e Spider-Man.

La docuserie arriverà il 6 aprile 2020 su Quibi, contestualmente al debutto della nuova piattaforma di streaming fondata nel 2018 da Jeffrey Katzenberg, produttore cinematografico statunitense cofondatore con Steven Spielberg e David Geffen della casa di produzione DreamWorks SKG.

Leggi anche: Stan Lee – I fratelli Russo gireranno un documentario sul papà dei supereroi Marvel

Attualmente Anthony e Joe Russo stanno girando Cherry, film che vede protagonista l’inteprete di Spider-Man Tom Holland e contemporaneamente stanno promuovendo 21 Bridges, pellicola che hanno prodotto insieme alla star di Black Panther Chadwick Boseman.

Leggiamo altro?
Addio a Rene Auberjonois, Odo di Star Trek: Deep Space Nine
>