Il mondo di Harry Potter incontra i GdR: ecco Hogwarts RPG

Ecco un nuovo prodotto che stuzzicherà l’interesse di tutti i fan di Harry Potter. David Brunell-Brutman ha realizzato un gioco di ruolo ambientato nel magico mondo di Hogwarts: Hogwarts – a Role-Playing Game.

Hogwarts RPG è un gioco di ruolo ambientato nel fantastico mondo di Harry Potter. Scopriamo di più su questo progetto!

I giocatori potranno vestire i panni degli studenti della Scuola di Magia e Stregoneria più popolare al mondo, sfidandosi in partite di Quidditch, frequentando le lezioni e, ovviamente, cercando di svelare i molti misteri della scuola, risolvendo enigmi e tranelli.

I temi principali del gioco sono quelli che si possono ritrovare nella saga cinematografica e nei libri: coraggio, lealtà, amicizia, abilità magica e una buona dose di fortuna e collaborazione. Prepariamoci a non guardare in faccia a nessuno per ottenere l’agognata Coppa delle Case!

Questo nuovo gioco di ruolo si basa sul sistema Powered by the Apocalypse che consente di ricreare in maniera semplice e immediata i poteri e le caratteristiche del Wizarding World. I personaggi giocanti potranno lanciare incantesimi, creare pozioni e trasgredire a un numero imprecisato di regole, così come hanno sempre fatto Harry, Ron e Hermione.

Il gioco è pensato per far sì che si possano imparare le regole in maniera semplice immediata e anche la creazione del proprio personaggio è facile e veloce. Non a caso il file del gioco è formato soltanto da 17 pagine. Insomma, si può pensare di giocare si da subito!

Hogwarts RPG è un gioco di ruolo che non ha nessuna pretesa di ufficialità, ma è un sistema semplice e divertente per permettere agli appassionati di giocare di ruolo nel mondo di Harry Potter. Il gioco è disponibile in download gratuito e si può scaricare, oltre al PDF del gioco di ruolo, anche il Kit per il giocatore e quello per il Master.

Che ne pensate di questo progetto? Fateci sapere la vostra con un commento!

Leggiamo altro?
Evolution Pulse Rinascita
Evolution Pulse Rinascita – Recensione
>