Dungeons and Dragons raggiunge la cifra record di 40 milioni di giocatori!

dungeons and dragons

Che Dungeons and Dragons sia in un momento di particolare fortuna e popolarità lo si poteva immaginare. Ma la cosa fa tutto un altro effetto quando si hanno le cifre alla mano!

Secondo le stime di un recente articolo di Bloomberg, Dungeons and Dragons avrebbe raggiunto la cifra di circa 40 milioni di persone che hanno giocato al più popolare gioco di ruolo di sempre, dal 1974.

Dungeons and Dragons ha raggiunto i 40 milioni di giocatori dalla sua prima uscita nel 1974

Una cifra considerevole per un hobby che, solo fino a pochissimo tempo fa, veniva considerato di nicchia e per pochi.

Questi numeri vogliono dire che là fuori, da qualche parte, ci sono tantissimi come noi che lanciano tiri salvezza, si preparano a sconfiggere un terribile boss finale e si divertono a giocare e a stare con i propri amici.

Non solo, il rapporto di Bloomberg riporta anche un numero sostanziale di appassionati che guardano le sessioni di gioco di ruolo in streaming: si parla di ben 9 milioni di spettatori!

Certo, nulla a che vedere con i colossi degli eSport come Overwatch, ma la cosa da segnalare è che anche i numeri di chi guarda GdR in streaming sono in aumento. Si tratta di cifre che confermano come ad oggi Dungeons and Dragons sia più popolare (e giocato) di quanto non lo sia mai stato in passato.

film di Dungeons and Dragons

Probabilmente se avessero detto ai giocatori di D&D 3.x che Dungeons and Dragons sarebbe diventato così diffuso, non ci avrebbe creduto nessuno!

Sicuramente, ad incentivare l’interesse per questo hobby, ci sono anche altre “forze” mediatiche, ad esempio due serie tv ormai cult come Stranger Things e Il Trono di Spade che hanno riportato in auge la passione per i giochi di ruolo e il genere fantasy.

Insomma, non resta che scoprire dove porterà questa ventata di successo e popolarità!

Voi che cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra con un commento!

Fonte: belloflostsouls

Leggiamo altro?
Easy Dungeon: il nuovo set per creare i vostri dungeon per GdR – Recensione
>