Avengers: Endgame: gli sceneggiatori spiegano la scelta del sacrificio finale [SPOILER]

Avengers: Endgame

Già dal titolo chi non è andato a vedere Avengers: Endgame dovrebbe essere già scappato, magari rifugiandosi da qualche parte a leggere la nostra recensione senza il minimo spoiler del film dei fratelli Russo.

Tuttavia, se qualcuno fosse un po’ distratto o non avesse colto la cosa, ribadisco che quello che state per leggere è davvero un immenso, gigantesco, mastodontico spoiler sul finale di Avengers: Endgame, e dell’Universo Cinematografico Marvel a dirla tutta.

Attenzione seguono spoiler su Avengers: Endgame

Gli sceneggiatori di Avengers: Endgame spiegano il motivo che li ha portati a decidere il personaggio che doveva sacrificarsi

Gli sceneggiatori del film Marvel Christopher Markus e Stephen McFeely, nel corso di una lunga intervista con il New York Times, hanno svelato come hanno deciso chi dovesse morire alla fine del film, rivelando che dietro la scelta del personaggio che si sacrifica c’è un intento ben preciso:

Eravamo consapevoli di voler vedere il Cap e Tony affrontare tutte le conseguenze in maniera tale che tutti potessero vederli soffrire.

Per questo motivo Cap e Natasha hanno ruoli relativamente minori in Avengers: Infinity War. Sapevamo che, al contrario, sarebbero stati costantemente sotto i riflettori nel secondo film, a differenza di altri personaggi.

Per quanto riguarda invece il sacrificio finale di Iron Man, non abbiamo mai avuto dubbi o ripensamenti perché, in realtà, un po’ tutti se lo aspettavano.

Abbiamo avuto l’opportunità di dare a Tony la vita che ha sempre voluto e che ha inseguito per lungo tempo. Lui e Pepper si sono sposati e hanno avuto una splendida figlia. È stato grandioso.

Il suo sacrificio è memorabile. È stata una morte eroica.

Per quanto riguarda Captain America, gli sceneggiatori hanno rivelato che la sua sopravvivenza è legata a un diverso arco narrativo che non poteva essere simile a quello di Tony Stark:

Noi siamo soddisfatti del finale che gli abbiamo riservato.

Ha messo il dovere sempre prima della sua stessa vita, per questo abbiamo deciso di tenerlo in vita.

Non era quello il suo arco narrativo che, invece, si conclude con “Ecco, ho messo via il mio scudo perché me lo sono guadagnato per tutto ciò che ho fatto”.

Voi cosa ne pensate? Siete soddisfatti di come si è concluso il film, cosa che tra l’altro abbiamo analizzato nei dettagli con l’articolo sul finale di Endgame?

Fatecelo sapere con un vostro commento qui sotto!

...e questo?
Jurassic World 3: nel cast anche Joseph Mazzello di Jurassic Park