Chi è Grindelwald? Storia del Mago Oscuro di Animali Fantastici e dove trovarli

Johnny Depp Grindelwald Animali Fantastici 2

Per un bene superiore!

Questa frase emblematica si riferisce a un personaggio altrettanto misterioso del Wizarding World: Gellert Grindelwald.

Ecco la storia di Gellert Grindelwald, il Mago Oscuro di Animali Fantastici e dove trovarli

Ma chi è Grindelwald?

Nella saga letteraria e cinematografica di Harry Potter è un nome che passa quasi in sordina, un personaggio secondario del passato definito come uno dei maghi oscuri più potenti mai esistiti, ma del quale non si è mai parlato spesso.

Invece, con la serie di Animali Fantastici e dove trovarli, questo nome è tornato sulla bocca di tutti e questo perché Grindelwald, da personaggio più che secondario, è diventato il Mago Oscuro antagonista della saga.

Nel primo capitolo di Animali Fantastici infatti, abbiamo già visto i protagonisti avere il loro primo scontro contro Grindelwald, il quale aveva assunto l’identità di Percival Graves, capo degli Auror e direttore dell’Ufficio Applicazione della Legge sulla Magia. Grindelwald si trovava negli Stati Uniti perché attratto da un Obscuriale dagli enormi poteri magici.

Ma perché proprio in America? Perché alla ricerca di un Obscuriale? E perché nel trailer di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald Silente dice che non può agire contro di lui?

Per rispondere a queste domande bisogna scavare nel passato di Gellert Grindelwald, scoprendo chi è e narrando la sua storia!

Gellert Grindelwald: le origini

Non si sa esattamente dove Gellert Grindelwald sia nato, ma si presume che provenga da un paese dell’Europa Orientale. La prima notizia certa che si ha su di lui è che fu ammesso presso l’Istituto per gli studi magici di Durmstrang, una delle scuole di magia europee più conosciute.

La fama di Durmstrang si collega spesso a un interesse del tutto particolare (e spesso malvisto) nei confronti dello Arti oscure. A questa tendenza non si sottrasse neppure Gellert, anzi, il ragazzo andò oltre lo studio e l’interesse dei suoi compagni effettuando ulteriori ricerche ed esperimenti.

Fu proprio in quegli anni da studente che colui che sarebbe diventato uno dei maghi oscuri più potenti si interessò alla storia dei Doni della Morte.

La lettura del mito affascinò completamente il giovane Gellert al punto che si pose come obiettivo quello di ritrovare, dovunque essi fossero, gli oggetti della leggenda: il Mantello dell’Invisibilità, la Bacchetta di Sambuco e la Pietra della Resurrezione.

Gli esperimenti sulle Arti Oscure insieme a una buona dose di sfacciataggine, sregolatezza e noncuranza per le regole furono la causa della prematura espulsione da Durmstrang.

L’incontro con Albus Silente

Dopo l’espulsione da scuola, Gellert intraprese il suo viaggio alla ricerca dei Doni della Morte.

Questo viaggio lo portò a Godric’s Hollow, in Inghilterra, dove viveva la sua prozia Bathilda Bath e dove si trovava il Mantello dell’Invisibilità. Fu proprio a Godric’s Hollow che Grindelwald conobbe una persona che avrebbe radicalmente cambiato la sua vita: Albus Silente.

Animali Fantastici 2 Gellert Grindelwald e Albus Silente

Tra i due si instaurò sin da subito un legame profondo e indissolubile. Albus e Gellert avevano molti tratti comuni: entrambi volevano cambiare l’ordine dello Statuto Internazionale di Segretezza della Magia, ma soprattutto i due condividevano l’ossessione della ricerca dei Doni della Morte.

Grindelwald desiderava gli oggetti per la sua smania di potere e sopraffazione, perfino sulla Morte stessa; Silente invece desiderava la sola Pietra della Resurrezione che gli sarebbe servita per riportare alla luce i suoi genitori ormai deceduti.

L’attrazione e la complicità tra i due (J.K. Rowling non ha mai taciuto riguardo l’omosessualità di Silente) stava però portando Albus sulla via della corruzione, utilizzando il motto “Per un bene superiore” come scusa per ordine le più criminali minacce.

Di questo se ne rese presto conto Aberforth, fratello di Albus, che cercò in tutti i modi di proteggere Silente dalla cattiva influenza di Grindelwald, ricordando al fratello che avrebbe dovuto investire le sue forze e la sua sapienza magica nella cura della sorella Ariana, gravemente debilitata a causa della potenza della sua magia parzialmente inespressa nel corso degli anni.

La situazione degenerò fino al punto in cui Aberforth e Gellert si scontrarono in un duello che divenne presto uno scontro a tre, dato che Albus si intromise nonostante non volesse recare danno né all’amico né al fratello. Il combattimento prese però una triste e inaspettata piega: Ariana, la sorella di Silente, rimase uccisa. Questo fu un durissimo colpo per Albus Silente che convisse per tutta la sua vita col dubbio di essere stato proprio lui ad aver accidentalmente scagliato il colpo mortale che uccise Ariana.

Grindelwald e gli anni del terrore

A questo punto Grindelwald semplicemente lasciò l’Inghilterra, iniziando a seminare terrore e morte nel resto d’Europa e perseguendo i suoi terribili piani per porre maghi e streghe al posto che secondo lui meritavano: al di sopra di tutti, soprattutto dei Babbani. Il terrore dilagò nel mondo magico e Grindelwald era ormai diventato il terribile Mago Oscuro che tutti temevano.

gellert-grindelwald-depp

La fama del mago oscuro arrivò anche in America, soprattutto quando Gellert stesso si trasferì negli Stati Uniti sulle tracce di una terribile minaccia che stava distruggendo New York.

Grindelwald sapeva bene che si trattava di un Obscuriale e seguì il caso assumendo l’identità di Percival Graves, capo degli Auror. Il suo obiettivo era quello di fare della creatura un potente alleato per compiere i più terribili crimini.

Questa è esattamente la trama del primo capito cinematografico Animali Fantastici e come trovarli, in cui alla fine Newt ScamanderTina Goldstein riescono a svelare l’identità dell’Auror e a mostrare a tutti il vero volto di Graves, ossia Gellert Grindelwald stesso, interpretato nel film da Johnny Depp.

La fine di Grindelwald

La continuazione della storia di Grindelwald non è mai stata spiegata nei dettagli e sicuramente la Rowling avrà da dirci molto di più nei prossimi film della saga di Animali Fantastici. Ma, come per il personaggio di Nagini, anche in questo caso noi sappiamo già la fine di Grindelwald perché presente nella saga di Harry Potter.

Nonostante le reticenze di Albus a scontrarsi con Grindelwald, la situazione creata dalle arti oscure di Gellert era diventata insostenibile per il mondo magico e Silente decise alla fine di affrontare il suo passato e quello che era ormai diventato il più potente mago oscuro di tutti i tempi.

Silente riuscì a sconfiggere Gellert al quale, inoltre, prese la Bacchetta di Sambuco diventandone ufficialmente il possessore. Grindelwald venne processato e condannato all’ergastolo, pena che scontò nella prigione di Nurmengard, roccaforte che lui stesso aveva progettato anni prima.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Grindelwald passò tutta la sua vita in prigione fino a quando, negli anni ’90, Voldemort lo trovò e lo torturò per sapere dove fosse la Bacchetta di Sambuco.

Spinto dal sentimento di amicizia e affetto che nutriva per Silente, Grindelwald non rivelò mai nulla a Colui-che-non-deve-essere-nominato, ma Voldemort venne comunque a conoscenza da altre fonti che la Bacchetta era ora legittimamente in mano a Silente. Ottenuta l’informazione che agognava, Voldemort uccise Grindelwald.

Un personaggio complesso e interessante che, per ora, conosciamo poco, ma che si prospetta essere uno dei protagonisti più attesi della saga di Animali Fantastici.

Voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra con un commento!

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed
Leggiamo altro?
Doom: Il Gioco da Tavolo, si torna a fraggare i demoni con i marines della UAC – Recensione