Dimenticatevi l’addestramento sul campo, per diventare agenti operativi della CIA ora dovrete prima addestrarvi sui giochi da tavolo!

Saper fronteggiare i numerosi pericoli insiti nel lavoro di una spia è un requisito fondamentale per ogni aspirante agente operativo che si rispetti ma, da qualche tempo a questa parte, gli 007 devono fare i conti con un altro pericoloso addestramento, basato sui giochi da tavolo.

La CIA (si, stiamo parlando proprio della Central Intelligence Agency statunitense) ha presentato all’ultimo SXSW diversi giochi utilizzati realmente in fase di addestramento dei propri agenti. Si tratta essenzialmente di giochi da tavolo, giochi di carte e giochi di ruolo simili nelle meccaniche ad alcuni titoli già noti al grande pubblico, alcuni ancora in fase di sviluppo e altri invece già giocabili.

Il primo di questi si chiama Collection e, avvicinandosi molto a quanto visto con Pandemiasi tratta di un gioco da tavolo collaborativo in cui diversi analisti della CIA sono chiamati a collaborare per risolvere vari crisi globali. Con una modalità simile, esiste anche un gioco in cui viene insegnato come collaborare con le altre agenzie e forze dell’ordine, in uno scenario che prevede la cattura del famoso signore della droga El Chapo.

Collection Deck (avevano finito i nomi originali a quanto pare) è invece il nome di un gioco di carte / gioco di ruolo, sempre sviluppato internamente alla CIA, in cui mostri ed enigmi tipici dei titoli fantasy sono stati rimpiazzati da immagini satellitari, intercettazioni e fascicoli governativi.

Ma perché la CIA ha iniziato ad adottare questo metodo di addestramento per i suoi agenti e analisti? Stando a quanto dichiarato da David Clopper, analista senior della CIA presente al SXSW: “i giochi da tavolo non sono solamente un modo creativo per testare le abilità e la conoscenza degli operativi, ma aiutano anche gli agenti a scoprire il valore della collaborazione; un requisito chiave per la buona riuscita della raccolta di informazioni da parte dell’intelligence stessa”.

E voi quali abilità avete appreso giocando ai giochi da tavolo? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

 

Leggi anche

Ready To Rock: intervista all’autore Tommaso Bonetti

Abbiamo avuto il piacere di fare due chiacchiere con Tommaso Bonetti, autore del gioco da …