Nuvole bianche – Recensione dell’onirico e commovente manga di Hisae Iwaoka

nuvole bianche

Il manga Nuvole Bianche è una raccolta di storie, scritte e disegnate da Hisae Iwaoka, facente parte parte della collana Aiken che BAO Publishing ha interamente dedicato alla pubblicazione di manga.

La leggerezza e la semplicità del tratto di Nuvole Bianche nasconde molto di più: sensazioni profonde scaturite dal susseguirsi delle pagine al cui interno si celano argomenti dolorosi, ma che almeno una volta nella vita tutti noi siamo stati costretti ad affrontare.

La recensione di Nuvole Bianche di Hisae Iwaoka, il manga sognante e commovente che rapisce attraverso sensazioni ed emozioni regalando un tuffo nei ricordi

La raccolta è composta da 14 storie più o meno lunghe che si susseguono in 200 pagine, opera di debutto dell’autrice che la porta a vincere nel 2004 della settima edizione dell’Ikiman Newcomer Comic Award. Conosciamo altre opere di Hisae Iwaoka edite da Bao Publishing come la commovente serie Dosei Mansion, pubblicata l’anno scorso, e il volume Fiori di Biscotto.

Un sogno sulle morbide nuvole

L’atmosfera che si respira tra le pagine è onirica, dà la sensazione di perdersi in un sogno o in un lontano ricordo d’infanzia. Un ricordo sgualcito, dimenticato in un angolo della memoria per la paura di risvegliarlo rievocando sentimenti di tristezza.

I temi trattati sono difficili da affrontare ad ogni età, i disegni sono semplici, riportandoci al tempo dell’infanzia, quasi fossero storie per bambini. Se il concetto da far comprendere è difficile, complicato e tortuoso, all’opposto c’è la forma semplice non solo del tratto ma anche delle parole e dei gesti dei protagonisti che appaiono spontanei, quasi ingenui.

La struttura grafica dell’opera è ariosa, leggera.

In alcune pagine è facile perdersi nei dettagli dei disegni che circondano il lettore, il quale viene trasportato in un ambiente sereno, in cui si avverte però una certa sensazione di malinconia. Le parole scritte dall’autrice non descrivono solo i dialoghi tra i personaggi, ma danno voce all’impressione che si fa strada nella mente del lettore. Le parole sono quindi la cornice delle storie e paiono quasi come una voce fuori campo che accompagna il lettore in un viaggio attraverso le emozioni.

La mancanza, compagna di vita

Entrando nel vivo delle storie di Hisae Iwaoka, ne possiamo trovare di due tipi.

Il primo tipo di storia racchiude i racconti in cui è inevitabile la perdita di qualcosa, più o meno caro, a causa del naturale scorrere del tempo e l’evolversi della vita. Questo è il caso di Nuvole bianche, Il negozio di antiquariato Sakura, Torniamo a casa! e Acqua all’uovo, racconti dal sapore dolceamaro che rievocano ricordi felici di una vita a cui si pensa con malinconia e nostalgia. La perdita della persona amata raccontata dal punto di vista dell’amato cane, il rammarico di non essere riuscirti a salutare una compagna di scuola prima della sua morte, il ricordo del luogo ormai distrutto in cui si sono dichiarati i propri sentimenti alla persona che si ama e con cui si condivide la vita da anni, oppure quello di una vicina di casa che non c’è più ma con cui si era passata l’infanzia

Queste sono alcune delle situazioni che si trovano di queste storie, storie amare vissute nel presente, ma che rievocano ricordi dolci nella memoria.

Il secondo tipo di storie è più fantastico, lascia il lettore libero di interpretare i racconti lasciandosi trasportare dalle parole e dalle immagini di La favola del fiore, La collina delle talpe e La strada dove sbocciano i fiori. Questi racconti racchiudono scelte, fatti strani e folkloristici. storie che fanno comunque riflettere perché ricche di dolore, ma allo stesso tempo di amore.

Tratto comune di questi racconti racconti è una malinconia disarmante che tenta di scatenare nel lettore la ricerca dell’umanità, rievocando vari ricordi del passato e sensazioni che viviamo nel presente con cui malgrado veniamo a contatto nel corso della vita. A prima vista può sembrare un volume pregno di tristezza e di morte, ma lasciandosi trasportare tra le pagine vediamo come la vita sia il filo conduttore, il ricordo di qualcuno che si è perso, di un sentimento, di un luogo o di una episodio è ciò che non lo farà mai morire.

La sua famiglia, gli amici, i professori… Le persone che hanno appreso la notizia… Se tutti loro la pensassero come me, un po’ alla volta… in mezzo a così tanti ricordi… potremmo riportarla indietro con dolcezza.

Il sogno non solo nelle parole, ma anche nel tratto

Come già detto il tratto è semplice, in compresenza con le parole che prendono per mano il lettore in un viaggio nella terra dei sogni. I due elementi sono complementari, il tratto della penna di Hisae Iwaoka è poetico quanto e più delle parole nate dal suo ingegno.

Il flusso delle tavole si sussegue così fluido che ci si stupisce quando, voltando pagina, si è già arrivati all’inizio di una nuova storia.

I personaggi che popolano le storie sono caratterizzati dalla morbidezza delle forme tondeggianti tipiche e riconoscibili anche nelle altre opere come Dosei Mansion e Fiori di Biscotto: sembrano quasi dei bozzetti, ma grazie all’abilità dell’autrice bastano poche espressioni per trasmettere ciò che provano i personaggi.

Se mi prendessi per mano… e mi dicessi che hai bisogno di me… ricambierei la tua stretta… e penso che ti risponderei… che anch’io ho bisogno di te.

La testa tra le nuvole bianche

Alcune storie sono brevi, altre sono più lunghe, alcune le leggi d’un fiato, altre le godi pagina per pagina, alcune di facile comprensione, altre hanno bisogno di una seconda lettura per essere capite.

Personalmente ho apprezzato molto il Nuvole Bianche e la forma in cui è scritto che permette di goderne giorno per giorno, prendendosi il tempo di leggere, comprendere e digerire le storie. Ogni genere di racconto, sia quelli che colpiscono al cuore e in cui si vorrebbe riscrivere il finale, sia quelli che rivedono perché scatenano dubbi e stupore.

È un insieme di storie sensibili, che spinge a riflettere come la vita sia frenetica e il tempo scorra, a come è importante fermarsi ogni tanto per apprezzare ciò che si ha oggi, ricordando cosa ci ha reso veramente felici in passato, dettagli spesso ignorati perché ci paiono piccoli e insignificanti, quando invece rappresentano qualcosa di davvero importante.

Se non ti accorgi della felicità in ciò che hai… allora la felicità non potrà mai raggiungerti

Nuvole bianche, un volume di 200 pagine in bianco e nero. è disponibile su Amazon a QUESTO INDIRIZZO.

nuvole bianche
Nuvole bianche
Nuvole bianche è un viaggio soffice tra i ricordi grazie a un insieme di storie sensibili e commoventi che fanno riflettere e apprezzare le piccole cose che in passato ci hanno reso davvero felici.
Il vostro voto0 Votes
0
Pro
Storie commoventi e coinvolgenti
Lettura che rapisce e regala sensazioni oniriche
Disegni dal tratto semplice e poetico
Contro
8
Voto Finale
...e questo?
J. K. Rowling pubblica gratuitamente The Ickabog, la sua nuova fiaba per bambini