I puzzle sono come la carta igienica: svuotati gli scaffali di negozi e magazzini durante questa quarantena

puzzle coronavirus

Il tempo da passare a casa in quarantena può essere inesorabilmente lungo così, in questo periodo, si rispolverano passioni un po’ sopite come quella per i puzzle, passatempo che stanno tornando prepotentemente in voga durante questa pandemia globale da Coronavirus.

Durante l’epidemia di coronavirus si arraffa ciò che si può dallo scaffale, compreso i puzzle che stanno diventando introvabili

Tra la sperimentazione di varie ricette da parte di novelli partecipanti a Masterchef e il workout quotidiano live con i trainer, l’interesse per i puzzle è letteralmente esploso, con i rivenditori che si ritrovano i magazzini vuoti e devono far fronte a difficoltà nell’approvvigionamento.

Dave Manga di Outset Media, azienda società canadese specializzata in giochi da tavolo, giochi di società, giochi di carte e puzzle, ha rivelato come recentemente una nuova tipologia di clienti si sia avvicinata a questi prodotti:

Sta arrivando un nuovo tipo di cliente che non corrisponde alla tipologia tradizionale. Speriamo che alcuni di loro si divertano e continuino a farlo anche in seguito. Pare che i puzzle siano diventati la nuova carta igienica.

Leon Stein, vicepresidente della divisione marketing dell’azienda, sottolinea come non si sia mai registrato un tasso di vendite così alto, nessuno ha potuto prevedere come il COVID-19 avrebbe cambiato la vita quotidiana delle persone, e in particolare come i puzzle sarebbero diventati uno degli articoli più richiesti:

Siamo in attività da 30 anni e non abbiamo mai visto nulla di simile. Di solito prevediamo sei mesi, otto mesi di fornitura. Finiranno tra cinque giorni. I fornitori stanno esaurendo le scorte, i rivenditori come noi hanno difficoltà a trovare i puzzle da riordinare. Sembra che tutti quelli che stanno a casa stiano ordinando un puzzle.

Anche Manga sottolinea questa difficoltà a far fronte alle scorte:

Non possiamo rifornire i puzzle. Quindi ogni giorno sempre più giochi si stanno esaurendo ed è stato qualcosa che non avrei potuto prevedere. È confortante. È qualcosa che richiede anche molto tempo. Un puzzle potrebbe durare quattro o cinque giorni. Quindi c’è una sfida, ma anche una semplicità che soddisfa.

Shirley Jacobs, una novantenne affezionata da sempre al passatempo e si diverte unendo tesserine, ultimamente sta lavorando a un puzzle di ben 18.000 pezzi, e lo racconta con orgoglio:

È una biblioteca con diversi scaffali e libri e altri piccoli pezzi di oggetti gettati dentro… Ho fatto la prossima sezione in cima e li ho impilati fino a quando non ho finito i quattro pezzi. Quindi ho spostato tutti i mobili dal centro del soggiorno con l’aiuto di mio figlio. Abbiamo posizionato e unito le assi sul pavimento.

Anche i più giovani si stanno dedicando a questo passatempo. Sulla piattaforma di streaming Twitch diversi intrattenitori hanno completato i loro puzzle in live coinvolgendo molte persone, unendo questa passione alle moderne tecnologie e creando una distrazione alternativa ai più moderni videogiochi.

Cosa ne pensate? Siete tra coloro che impazziscono per i puzzle? Fatecelo sapere con un vostro commento qui sotto!

Fonte: CBC

...e questo?
lex-arcana-logo-gdr
Lex Arcana: il GdR fantasy-storico è ora finalmente disponibile!