Mario Kart Mach 8: mamma mia come corre l’auto radiocomandata Carrera Toys

Se ieri la notizia del ritorno sugli scaffali delle Micro Machines ha risvegliato tanti ricordi legati ai giocattoli più in voga degli anni ’80 e ’90, oggi la voglia di ritornare un bambini per un po’ si è materializzata con l’unboxing e la prova su “strada” della Mario Kart Mach 8, la macchina telecomandata in scala 1:18, prodotta e distribuita da Carrera che avevamo già adocchiato nel corso di G! come Giocare, l’evento interamente dedicato ai bambini e ai giocattoli svoltosi durante lo scorso weekend.

Video unboxing e prova su “strada” della Mario Kart Mach 8, l’auto telecomandata in scala 1:18 prodotta e distribuita da Carrera

Disponibile in due coloratissime versioni, una pilotata da Mario e l’altra da suo fratello Luigi, la Mach 8 si è da subito rivelato un giocattolo che è molto di più di un semplice giocattolo, anche se conserva intatta tutta la carica di divertimento che è capace di regalare a qualsiasi bimbo (anche quelli più cresciuti) che possono riviere dal vivo le emozioni delle corse sfrenate e appassionati di Mario Kart, il celebre videogioco Nintendo.

Nel video che trovate qui di seguito potete seguire il nostro unboxing, la preparazione dell’automobilina prima di scendere in pista e la prova su strada della Mach 8, macchinina che ci ha veramente colpito, sia per la qualità costruttiva e dei materiali, sia per le prestazioni di questa piccola scheggia colorata e velocissima che potete ACQUISTARE QUI per far felice qualcuno, visto che ormai il Natale è praticamente alle porte.

Mario e Luigi partono a bordo dei kart Mach 8! Con la speciale livrea gialla e blu, queste due auto radiocomandate di Mario Kart possono raggiungere i 9 km/h!

Il nuovo design dei Mach 8 Carrera in blu e giallo è identico a quello del videogioco, le auto da corsa a forma di turbina sono adatte per i piccoli fan di Mario dai 6 anni in sù e grazie alla tecnologia full- function, sono facili e divertenti da controllare!

Leggiamo altro?
Frozen 2: ecco le bambole da 30000$ che (non) metterete sotto l’albero di Natale