La PlayStation è la causa dell’eliminazione della Germania dai Mondiali di Russia 2018

Se all’indomani della mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali 2018, in Germania tutti se la ridevano sotto i baffi con la stampa teutonica a sghignazzare e prendersi gioco del calcio italico (Dortmund 2006 brucia ancora evidentemente), l’eliminazione della nazionale tedesca durante la fase a gironi della Coppa del Mondo di Russia ha sprofondato la Mannschaft e il movimento calcistico tedesco nella crisi più cupa mai vissuta, innescando feroci critiche verso lo staff e la squadra.

Secondo i quotidiani tedeschi la colpa dell’eliminazione della Germania dal Mondiale di Russia è dovuta alla PlayStation che “impegnava” i giocatori fino a notte fonda

Presentatasi da Campione del Mondo in carica, la Germania ha subito la “Maledizione dei Campioni” (che ha colpito prima l’Italia Mundial di Berlino 2006 in Sudafrica e poi nel 2010, in Brasile, la Spagna iridata) venendo eliminata nella fase a gironi, cosa mai accaduta alla nazionale tedesca.

Secondo quanto riportato dalla Bild, la causa dell’eliminazione della Germania dai Mondiali di Russia 2018, con la mancata qualificazione agli ottavi, è la Playstation!

Il quotidiano tedesco infatti racconta come i giocatori tedeschi passassero ore interminabili (specialmente di notte) a giocare alla PlayStation, in particolare a Call of Duty e Fifa 18, finendo poi per essere stanchi e poco lucidi durante le partite che, infatti, hanno visto i Campioni del Mondo autori di prestazioni non certo alla loro altezza, se non addirittura mediocri.

Un altro giornale tedesco, il Welt, ha addirittura definito i giocatori tedeschi come “bambini in vacanza o ad un pigiama party invece che calciatori adulti intenti a vincere il titolo”, riportando come il CT Loew, insieme al coordinatore Oliver Bierhoff, avrebbero più volte fatto staccare internet in modo da non poter giocare online.

Alla PlayStation i Mondiali di Calcio li vinciamo tutti!

Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

Fonte: Datasport

Potrebbe piacerti anche