Event Horizon Telescope: l’incredibile impresa di fotografare un buco nero sarà presto realtà!

Event Horizon Telescope: l'incredibile impresa di fotografare un buco nero

L’Event Horizon Telescope sarà operativo il prossimo aprile e il suo primo obiettivo sarà un buco nero situato a 26.000 anni luce dalla Terra

Ci siamo quasi, presto avremo la possibilità di vedere il primo scatto fotografico di un buco nero, finora raffigurato esclusivamente con immagini create dall’uomo. La foto del secolo sarà catturata grazie all’Event Horizon Telescope, un telescopio in grado di fotografare l’orizzonte degli eventi di un buco nero, che effettuerà le osservazioni dal 5 al 14 aprile.

L’Event Horizon Telescope opererà attraverso una rete di radioricevitori sparsi in tutto il pianeta, raccogliendo segnali radio emessi da un punto preciso nello spazio. Il telescopio avrà a disposizione, così, un’apertura grande quanto il diametro terrestre e tenterà di osservare Sagittarius A* (l’asterisco sta per “star”), il buco nero che si trova a 26.000 anni luce dalla Terra, con una massa di oltre 4 milioni di volte superiore a quella del nostro Sole e un orizzonte degli eventi da 20 milioni di chilometri di diametro.

Event Horizon Telescope: l'incredibile impresa di fotografare un buco nero

Il risultato dello scatto sarà l’ombra del buco nero, poiché esso non emette radiazioni. Vista l’enorme quantità di dati, le immagini non saranno disponibili prima della fine di quest’anno o l’inizio del 2018. Secondo gli scienziati, comunque, potrebbero essere molto simili alla rappresentazione artistica del film Interstellar, per il quale il regista, Christopher Nolan, ha lavorato insieme all’astrofisico Kip Thorne, per assicurarsi che si trattasse di un’immagine realistica.

Attraverso questo progetto, si spera di provare l’esistenza del corpo celeste e di recuperare informazioni utili per la comprensione dell’Universo, ma anche a conoscere il buco nero supermassivo della galassia ellittica gigante M87.

Fonte: Futurism

Leggiamo altro?
Niantic è al lavoro su un paio di occhiali per Realtà Aumentata in collaborazione con Qualcomm