L’Universo in un cerchio

universo in un cerchio

Come disegnereste l’intero universo?

Immaginate la vastità e complessità dell’universo. Ora provate a rappresentarla graficamente. Io personalmente, al di là delle mie inesistenti doti artistiche, non saprei proprio come iniziare.
Pablo Carlos Budassi, musicista ed illustratore, ha trovato invece un suo metodo di raffigurazione: l’Universo in un cerchio.
L’immagine è “limitata” a tutto l’Universo da noi conosciuto, ottenuta combinando le mappe logaritmiche del cosmo con le osservazioni della Nasa.

La tecnica che ha utilizzato è tanto affascinante quanto “semplice”. La raffigurazione vede al centro del cerchio le zone più conosciute all’essere umano, mentre, spostandoci verso i margini più esterni, incontreremo le aree meno note.  La realizzazione è stata resa possibile anche dagli studi dei ricercatori della Princeton University, che ne hanno fornito le mappe logaritmiche a partire dal 2005.

Troviamo così, abbandonando il centro e spostandoci verso l’esterno: il sistema solare,  la Fascia di Kuiper, la Nube di Oort, il sistema stellare di Alpha Centauri e il Braccio di Perseo. Quello che invece si può notare nell’anello esterno è la raffigurazione delle radiazioni residue del Big Bang.

L’idea è venuta in mente all’autore mentre stava realizzando dei flexagoni,  per il compleanno del figlio. Il risultato lo potete ammirare in calce.

Fonte: This Is Colossal

...e questo?
DeLorean stanford university
Ecco Marty, la DeLorean che si guida da sola e fa le derapate (stando sotto le 88 miglia orarie)