Il governo giapponese dà consigli ai giovani su come approcciare le ragazze: “Usate il kabedon”

ragazzi giapponesi kabedon

Mentre in Italia il governo consiglia ai suoi cittadini un uso più responsabile dei climatizzatori, dall’altra parte del mondo, in Giappone, l’amministrazione nipponica si prodiga in suggerimenti amorosi rivolti ai giovani per spronarli a essere meno timidi e approcciare le ragazze senza troppi patemi d’animo.

Un documento ufficiale, presentato come parte di un rapporto di studi sul matrimonio e la famiglia, suggerisce di fornire un’adeguata educazione alle persone timide che faticano a manifestare i propri sentimenti, prendendo spunto da alcune situazione tipiche dei manga shōjo, come per esempio la “pratica” del kabedon (壁ドン).

Sei timido? allora usa il kabedon con la ragazza che ti piace

Ebbene sì, siamo di fronte all’ennesima splendida giapponesata, visto che il governo di Tokyo cerca di sfruttare la popolarità di manga e anime per poter comunicare più facilmente con le nuove generazioni (e non solo quelle).

In pratica, come riportato da Grapes, i capoccia dell’amministrazione nipponica fanno riferimento a un metodo per dichiararsi  che consiste nel bloccare la persona di cui si è innamorati contro un muro o comunque in una situazione tale da porre i due faccia a faccia. Quando questa repentina azione è abbastanza energica,  la mano che colpisce il muro emette un suono caratteristico chiamato don (ドン), da cui il termine kabedon.

kabedon manga

Insomma, un approccio abbastanza rude e deciso, ma a quanto pare efficace quantomeno per superare la timidezza dei ragazzi meno disinvolti (almeno stando a ciò che avviene nei manga).

Era prevedibile che questo documento con “consigli d’amore” ufficiali finisse al centro di discussioni e polemiche, con il web che si è letteralmente popolato di commenti, sarcastici e non, riguardanti proprio queste raccomandazioni sentimentali che manco Cioè dei tempi d’oro.

In particolare circa un settimana fa, ospite della trasmissione divulgativa “Imada Kōji no netabare MTG” andata in onda su Yomiuri TV, la giovane modella e attrice Suzu Yamanouchi ha espresso tutta la sua perplessità sull’argomento, sottolineando come i manga siano diversi dalla realtà e come il kabedon rappresenti solo uno stratagemma narrativo (nemmeno tanto condivisibile):

Se le persone faranno l’errore di pensare che qualcuna sia contenta di ricevere un kabedon,  la cosa può diventare un vero problema. Quando che magari nemmeno ti piace prova a farti un kabedon nella vita reale, l’unica cosa che si prova è paura!

Insomma, anche se a qualcuno queste dimostrazioni di sicurezza in sé stessi e di risolutezza potrebbero affascinare, il rischio di terrorizzare la ragazza dei propri sogni e assai elevato, rischiando di compromettere ogni futuro rapporto con la persona che ci fa battere il cuore.

Il Negozio delle Necessita Mobile Ads 2