Dungeons & Dragons: Hasbro ammette che la nuova OGL è stata un errore

film di Dungeons and Dragons

Hasbro ha ammesso ufficialmente durante una riunione che il suo tentativo di aggiornare la Dungeons & Dragons OGL, la Open Game License che fornisce un framework agli editori di terze parti, in grado di rendere il loro materiale compatibile con il gioco è stato un fallimento.

Durante una riunione trimestrale volta ad aggiornare i soci sull’andamento dell’azienda, il CEO Chris Cocks ha fornito una visione degli utili attuali e futuri di Hasbro, rimarcando che vi è stata una diminuzione del 9% delle entrate nel 2022 e ha stimato un ulteriore calo delle entrate nel 2023 a causa dei timori di recessione.

Durante la riunione, Chris Cocks ha anche affrontato il discorso della OGL di Dungeons & Dragons, che ha causato una rivolta di massa da parte dei fan di D&D all’inizio di quest’anno.

Su D&D, abbiamo fatto cilecca nell’aggiornare la nostra Open Game License, un veicolo chiave per i creatori per condividere o commercializzare i loro contenuti ispirati a D&D“, ha detto Cocks nelle osservazioni preparate per il consiglio “la nostra best practice è lavorare in collaborazione con la nostra community, raccogliere feedback e creare esperienze che ispirino giocatori e creatori allo stesso modo: è così che rendiamo i nostri giochi tra i migliori del settore. Da allora abbiamo corretto la rotta e stiamo offrendo un ottimo risultato sia per la community che per il gioco.

All’inizio del 2023, i fan hanno appreso che Hasbro aveva in programma di “aggiornare” l’OGL istituendo una licenza molto più rigorosa e basata su con struttura di commissioni di royalty e altri oneri. Mentre Wizards of the Coast (che è l’editore di D&D e fa parte del gruppo Hasbro) inizialmente difese le bozze trapelate del nuovo OGL, la stessa società in seguito ha deciso di invertire la rotta a causa delle pressioni sia dei fan che degli editori che utilizzano l’OGL per rendere il materiale compatibile con Dungeons & Dragons e annunciò che il D&D System Reference Document (che contiene le meccaniche di base per l’attuale quinta edizione di D&D) da quel momento sarebbe stato pubblicato sotto una licenza Creative Commons.

Nel corso della riunione, Cocks ha affermato che uno sforzo coordinato per cancellare gli abbonamenti a D&D Beyond in risposta al tentativo di revisione dell’OGL non avrebbe avuto un impatto sostanziale né sui conti conto profitti e perdite di D&D, né sugli obiettivi di conto economico complessivi di Wizards. “Abbiamo avuto alcune cancellazioni di abbonamenti, ma erano relativamente minori nella totalità del P&L di D&D e del P&L di Wizards“, ha detto Cocks. “Prendiamo sul serio qualsiasi cosa succeda. Siamo in contatto con le persone che hanno cancellato il profilo e in generale sono disponibili a riavviare i loro abbonamenti. D&D Beyond è un’ottima piattaforma.”

Cocks ha anche fatto notare che D&D Beyond stava già generando profitti per Hasbro e che la sua base di utenti e le entrate del sito Web erano aumentate del 20% nel 2022. Infine ha anche ricordato l’imminente film Dungeons & Dragons: L’onore dei Ladri e l’uscita di Baldur’s Gate 3 come potenziali motori di nuove entrate per D&D nel 2023.