Germania: donna muore durante un attacco hacker a un ospedale

attacco ransomware ospedale

In Germania una donna è deceduta durante un attacco ransomware che ha colpito l’ospedale universitario di Düsseldorf e che ha causato quello che potrebbe essere il primo decesso collegato a un attacco hacker.

Il decesso di una donna durante un attacco ransomware all’ospedale di Düsseldorf, potrebbe essere il primo caso di morte causata da un attacco hacker

Secondo quanto riportato da RTL.de, l’ospedale finito sotto attacco non ha potuto procedere all’accettazione delle emergenze, costringendo i sanitari a “dirottare” la donna verso un altro ospedale distante 32 chilometri, tragitto supplementare che, a quanto pare, è stato fatale per la paziente.

La violazione informatica, che non aveva come obiettivo la struttura sanitaria ma il vicino complesso universitario, ha però bloccato 30 server dell’ospedale che sono stati criptati. Di conseguenza i sistemi informatici hanno smesso via via di funzionare negando l’acceso ai dati, interrompendo i servizi e obbligando a rinviare tutti gli interventi. Su uno dei server dell’ospedale è apparsa anche la richiesta di mettersi subito in contatto con gli hacker, nota indirizzata all’Università Heinrich Heine (alla quale è affiliato l’ospedale di Düsseldorf ), anche se pare non sia stata fatta nessuna richiesta di denaro.

In piena emergenza la polizia di Duesseldorf ha stabilito un contatto con gli autori dell’attacco, informandoli che la violazione perpetrata aveva colpito l’ospedale e non l’università, con gli hacker che hanno fatto cessare l’attacco fornendo la chiave di decriptazione.

I pubblici ministeri dello stato della Renania nord-Vestfalia hanno comunque avviato un’indagine contro ignoti con l’ipotesi omicidio colposo, dato che la donna in fin di vita avrebbe dovuto ricevere cure e assistenza in brevissimo tempo. Purtroppo, proprio a causa della violazione informatica, la donna deceduta era stata costretta al trasferimento presso l’ospedale Wuppertal, con i medici che per un’ora non sono stati in grado di iniziare le cure necessarie.

Le strutture sanitarie, causa l’impreparazione riguardante i propri sistemi informatici, sono molto a rischio da parte degli attacchi informatici. L’utilizzo sempre più massiccio di vari dispositivi, come le apparecchiature radiologiche e radio-diagnostiche (spesso connesse a internet o a reti intranet) può portare all’impossibilità di effettuare diagnosi e curare i pazienti nell’eventualità queste apparecchiature finiscano nel mirino degli hacker.

Fonte: The Verge

...e questo?
osiris rex bennu
La sonda Osiris-REx ha raccolto dei campioni dall’asteroide Bennu