La madre del ragazzo che aveva sperperato i risparmi della famiglia su Twitch è riuscita a recuperare i soldi

La madre dell’adolescente che il mese scorso aveva sperperato quasi 20.000 dollari in donazioni su Twitch, praticamente i risparmi della sua famiglia, è riuscita a recuperare quasi tutta la somma che lo “screanzato figliolo” aveva scialacquato.

Adolescente sperpera i risparmi di una vita effettuando donazioni su Twitch ma la madre recupera quasi tutto grazie all’aiuto dei partner finanziari della piattaforma

I fatti risalgono allo scorso mese di luglio quando il ragazzino, utilizzando una carta di credito, nell’arco di circa due settimane (tra il 14 e il 30 giugno 2020) ha effettuato donazioni “a pioggia” a streamer come TfueGorb ed Ewokttv, trasferendo denaro anche a professionisti dello sport come Kurt Benkert (quarterback degli Atlanta Falcons) e Meyers Leonard (ala della squadra di basket dei Miami Heat. L’adolescente, a cui la madre aveva attivato una carta prepagata per pagarsi il pranzo a scuola, ha cominciato a trasferire fondi dal conto online della famiglia sulla carta che ha poi utilizzato per supportare economicamente i suoi “idoli”.

Appena scoperto l’accaduto la madre si era subito attivata rivolgendosi alla rete, soprattutto utilizzando Reddit, per ottenere aiuto e far conoscere la vicenda al fine di ottenere dritte e consigli su come recuperare il denaro.

Parlando con Dotesports la donna, che ha voluto mantenere l’anonimato soprattutto per proteggere il figlio, ha confermato che grazie all’aiuto di Xsolla, la piattaforma partner di Twitch, è stata in grado di recuperare quasi tutti i 19.870,94 che il figlio aveva sperperato:

Sono così sollevata di avere recuperato i miei soldi che adesso sono ritornati sul mio conto corrente. È un incubo che finisce.

A questo punto, nonostante manchino ancora alcune centinaia di dollari da recuperare, mi reputo felice e soddisfatta del risultato ottenuto e non ho intenzione di procedere oltre per recuperare questa differenza.

Non è chiaro se siano stati fatti tentativi per contattare gli streamer beneficiari delle donazioni, anche se la donna ha ammesso che il non poter parlare direttamente con nessuno è stata la cosa più frustrante di questa vicenda, situazione che si è poi sbloccata quando un altro genitore che aveva vissuto un’esperienza simile le ha consigliato di contattare Xsolla.

La donna ha inoltre dichiarato che il figlio è pentito di quello che ha fatto e che attualmente incontra un consulente sottoponendosi a una sorta di terapia, anche se, per maggiore sicurezza, Xsolla ha bloccato permanentemente”l’account del ragazzo per impedire ulteriori donazioni non autorizzate, con la madre che ha ribadito come il difficile momento li ha uniti come famiglia:

Questo è stato un momento difficile per la nostra famiglia, ma speriamo di imparare da questo e crescere tutti insieme come una famiglia più forte.

I miei mi facevano un cazziatone da far tremare le pareti di casa quando spendevo un po’ più di monete in sala giochi, ma quelli erano altri tempi e invece di Twitch si guardavano gli amici dimenarsi di fronte ai cabinati in attesa del proprio turno.

Fonte: Dotesports

guest
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
playstation plus collection PS5
PlayStation Plus Collection: ecco la collection di giochi cult disponibile al lancio su PS5