Firefly, la recensione del primo fumetto dalla miniserie saldaPress

La cultura pop contemporanea è dominata da un’unica grande regola: le storie non finiscono mai. Le grandi opere narrative iniziano magari con un film, proseguono grazie a una serie TV e terminano su un fumetto. Oppure seguono il percorso inverso. A volte lo fanno ad anni o addirittura decenni di distanza.

La recensione del primo volume della miniserie Firefly di saldaPress contenente i primi 4 capitoli del sequel del franchise sci-fi creato da Joss Whedon

Il caso si addice perfettamente al fumetto di Firefly, corposo volume di 144 pagine recentemente uscito per saldaPress, che propone il nuovo sequel ufficiale dell’omonima serie televisiva creata da Joss Whedon (famoso per serie come Buffy l’ammazzavampiri ed Angel, nonché per i primi due film degli Avengers) e andata in onda per una sola stagione tra il 2002 e il 2003 e poi proseguita con Serenity, film per il cinema uscito nel 2005 che si rivelò uno scarso successo al botteghino nonostante le critiche positive.

La storia è ambientata in un futuro remoto in cui i viaggi spaziali sono la norma: dopo una guerra civile per il controllo del sistema stellare, l’Alleanza risulta vincitrice e impone il proprio dominio.

A due ex soldati della fazione indipendentista, Malcolm Raynolds e Zoe Washburne non resta che iniziare una vita ai limiti dell’illegalità a metà via tra commercio e contrabbando a bordo del cargo spaziale Serenity di classe Firefly. Il loro è un modo per nascondersi dalle forze dell’Alleanza che vogliono catturare gli ultimi ribelli. Gli uomini e le donne che compongono l’equipaggio del Serenity, però, sono tutte persone dal passato piuttosto burrascoso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

FIREFLY STA PER TORNARE! IL 18 GIUGNO ESCE IL PRIMO VOLUME DEL SEQUEL A FUMETTI Se siete fan di Joss Whedon e se amate Buffy, siete sicuramente fan di FIREFLY, la leggendaria serie tv che ha avuto in SERENITY il suo sequel ufficiale. Il 18 giugno, però, è arrivato il momento di tornare nelle profondità dell’Universo con il più irresistibile, divertente e iconico equipaggio western-fantascientifico di sempre. Malcolm Reynolds, Zoe Washburne, Hoban Washburne, Inara Serra, Jayne Cobb, Kaylee Frye, Simon Tam, River Tam, Shepherd Book sono pronti a riprendervi a bordo. Non potete mancare. #firefly #serenity #josswhedon #serietv #fumetti #fumetto #saldapress #gregpak #danmcdaid #comics #josswhedon #buffy #buffylammazzavampiri #buffylammazzavampiri #nuoveuscite #uscitegiugno

Un post condiviso da saldaPress (@saldapress_ufficiale) in data:

Il fumetto di Firefly è un buon mix di fantascienza e western vecchia scuola

La storia si svolge in un’ambientazione che mischia fantascienza futurista e atmosfere western vecchia scuola tanto care agli americani.

Il volume a fumetti vede sempre Whedon al soggetto, mentre la sceneggiatura è di Greg Pack e i disegni di Dan McDaid.

Si riparte dalla fine di Serenity e il gruppo del cargo spaziale viene attaccato da una nave dell’Alleanza e decide di riparare su un pianeta per nascondersi. Lì i Nostri vengono coinvolti nel fare da scorta a un gruppo di pellegrini diretti a un santuario. Il viaggio è sin da subito costellato di pericoli e ben presto la compagnia è costretta a venire alle armi con i banditi. Questo richiama gli Unificatori, ovvero le forze militari dell’Alleanza, guidati dalla spietata Boss Moon, la quale è intenzionata a mettere le mani su Malcolm e Zoe.

Partiamo col dire subito cosa ho apprezzato di meno di Firefly: la mancanza di autonomia. Spiego: questo fumetto è il sequel di Serenity, il quale, a sua volta, è sequel di Firefly.

Tutto chiaro fin qui? Bene.

Io non ho visto entrambe. Magari ne ho vagamente sentito parlare, ma non mi ci sono mai imbattuto realmente, situazione che è potenzialmente riscontrabile in tante altre persone che si avvicinano alla lettura del fumetto che è appunto un sequel di entrambi.

Ergo, ho cominciato a leggere questo fumetto senza avere la minima idea di cosa avrei trovato.

L’ambientazione e la Storia (intendo proprio con la S maiuscola) sono chiari dopo poche pagine e risultano facilmente intuibili per chiunque abbia visto Star Wars anche solo di sfuggita. Tutto il resto, invece, no: i rapporti fra i personaggi, le idiosincrasie di ognuno di loro, gli amori, le amicizie e le antipatie, tutto è già scritto e viene raccontato nella serie televisiva e nel film, mentre nel fumetto viene dato tutto per assodato. Certo, qualche spiegone sparso per la storia aiuta a farsi un’idea generale, ma sembra essere un fastidioso intermezzo messo apposta per indottrinare i lettori che non conoscono le opere di partenza (vedi il sottoscritto).

Senza voler togliere niente all’effettivo valore di questo fumetto in quanto tale, non me la sento di sorvolare sull’evidente pecca di non poter essere leggibile in maniera autonoma.

Una storia convincente accompagnata da disegni spettacolari

Parlando del fumetto tout-court, ci troviamo di fronte ad una buona storia che mischia sci-fi e western condita con quell’ironia e quei colpi di scena tipici dei fumetti americani.

Non posso fare troppi spoiler visto che si tratta di una scena importante dell’albo, ma vi basti sapere che sul finale ci sarà da ridere. Trattandosi di una miniserie in dodici capitoli e considerando che questo volume ne raccoglie quattro, è lecito aspettarsi i prossimi due che proseguiranno e approfondiranno la storia.

I disegni sono semplicemente spettacolari e ricchi di dinamismo, figli di un’impostazione e di una scuola grafica tutta americana. A quanto ho potuto constatare, alla luce dal fatto di non conoscere gli altri media del franchise, la fisionomia dei personaggi di carta è ricalcata sulle loro controparti televisive e cinematografiche.

In conclusione, posso dire che con il fumetto sequel di Firefly ci troviamo davanti a un buon prodotto ricco d’azione e d’avventura e condito con diverse parentesi molto simpatiche, che ha però il grosso difetto di essere diretto principalmente ad un pubblico già fruitore della serie classica o, perlomeno, del film.

I neofiti veri e propri potrebbero trovarsi disorientati in più di un’occasione, anche se la qualità di questa pubblicazione di saldaPress è senza dubbio allineata con quello che la casa editrice emiliana continua a regalarci.

  • Titolo: Firefly vol. 1
  • Sottotitolo: La guerra dell’unificazione
  • Autore: Joss Whedon, Greg Pak, Dan McDaid
  • Dati: pp. 144, 16,8 x 25,6, colori, cartonato
guest
1 Commento
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
Andrea
Andrea
10 Luglio 2020 9:35

Hoban “Wash” è MORTO NEL FILM Serenity, come fa a essere vivo nel fumetto? Siamo sicuri che la linea temporale tra telefilm e film sia stata rispettata?

...e questo?
The Horror Gamebook: il librogame ispirato a E.A. Poe presto su Kickstarter