Chiavette USB anti 5G: arriva la truffa del “catalizzatore olografico quantistico” per creduloni e complottisti

chiavette USB anti 5G

“È una truffa e non cielo dicono”, e invece noi ve lo diciamo, non che ce ne fosse bisogno (speriamo), ma perché è alquanto bizzarro quello che il sito inglese 5gbioshield sta facendo: vendere delle fantomatiche chiavette USB anti 5G a circa 370 euro quando invece si tratta di normali pendrive da 128 MB.

Dall’Inghilterra la truffa delle chiavette USB anti 5G che funzionerebbero da scudo contro le radiazioni grazie alla tecnologia del catalizzatore olografico quantistico

Cavalcando l’onda delle fake news riguardanti il 5G, con la rete letteralmente invasa da bufale e strambe teorie complottiste riguardanti questa nuova tecnologia tra le quali anche legami con la pandemia da Coronavirus, i truffatori millantano capacità di funzionare da scudo contro le “radiazioni” delle antenne 5G per questi miracolosi dispositivi.

La home page del sito riporta una descrizione delle chiavette USB anti 5G alquanto fantasiosa, che personalmente ha ricordato sia le descrizioni delle invenzioni del professor Hubert Farnsworth di Futurama, che le supercazzole di “Amici miei”:

La chiavetta USB 5GBioShield fornisce protezione per la tua casa e la tua famiglia, grazie al catalizzatore olografico indossabile a nano-strato, che può essere indossato o posizionato vicino a uno smartphone o qualsiasi altro dispositivo elettrico emettitore di radiazione o EMF.L

La USB key 5GBioShield con nano-strato è una tecnologia di catalizzatore olografico quantistico per l’equilibrio e l’armonizzazione degli effetti dannosi delle radiazioni elettriche squilibrate. L’area operativa del nano-strato ha un diametro che va dagli 8 ai 40 metri.

La chiave USB 5GBioShield è il risultato della ricerca di diversi decenni in più paesi. Se attiva nel suo raggio operativo protegge e armonizza la casa di un’intera famiglia.

Ovviamente più di qualcuno non si è fatto fuorviare da cotanto sciorinare di paroloni e termini pseudo-scientifici e gli esperti di sicurezza informatica hanno analizzato le chiavette scoprendo, come riferito da BBC News, che si tratta per l’appunto di semplici pendrive da 128 MB del valore di pochissimi euro con appiccicato un semplice adesivo all’esterno.

Stephen Knight, direttore operativo di London Trading Standards, che sta lavorando a stretto contatto con la squadra anti-frode della Polizia inglese per far chiudere il sito web in questione, ha confermato la natura truffaldina della cosa sottolinenando come le persone più vulnerabili hanno bisogno di assoluta protezione da questa tipologia di business senza scrupoli.

Tuttavia 5gbioshield ha sfacciatamente difeso i dispositivi, con i proprietari del sito web contattati da BBC che per bocca di Anna Grochowalska parlano di tutta una serie di informazioni tecniche in loro possesso:

Siamo in possesso di una grande quantità di informazioni tecniche, con numerose ricerche storiche di supportoPer quanto riguarda l’analisi dei costi prodotta dalla vostra ricerca, credo che la mancanza di informazioni approfondite non vi guiderà al calcolo esatto delle nostre spese e dei costi di produzione, compreso il costo dell’IP.

Insomma, come dicevamo, una vera supercazzola da 128 MB!

Cosa è il 5G?

5G, la quinta generazione di tecnologie e standard per le connessioni telefoniche mobili, è la rete di nuova generazione che sostituirà l’attuale 4G LTE e permetterà di utilizzare la rete mobile per veicolare dati con maggiore velocità e quantità permettendo di usufruire di tutta una serie di servizi al momento appannaggio di altri mezzi.

In pratica se consideriamo che l’attuale tecnologia mobile utilizza l’aggancio dei device alle “celle” della rete cellulare per comunicare e trasferire dati alla velocità di 1 Gbps (gigabit per secondo), con il 5G tale velocità salirà a 20 Gbps, rendendo di fatto la rete mobile anche più veloce dell’ADSL in alcuni casi, aprendo definitivamente al gioco online da mobile e allo streaming senza limitazioni di qualità video.

Fonte: The Verge

...e questo?
Pokémon Go: record di 65 smartphone per Chen San Yuan