Apollo 13: la NASA pubblica un video 4K di come videro la Luna gli astronauti

“Huston abbiamo un problema” è una delle frasi più celebri della storia pronunciata da James Lovell, comandante dalla missione Apollo 13 decollata l’11 aprile 1970 che avrebbe dovuto portare il terzo equipaggio umano sulla Luna, ma diventata sfortunatamente celebre per via del guasto che impedì l’allunaggio e rese difficoltoso (e quasi miracoloso) il rientro sulla Terra.

La NASA pubblica un video 4K di quello che videro gli astronauti dell’Apollo 13 quando sorvolarono il lato oscuro della Luna

Ok, mettiamo Isaac Newton al posto di pilotaggio.

Dopo l’esplosione nel modulo di servizio della navetta che danneggiò molti equipaggiamenti, l’equipaggio dell’Apollo 13 (comprendente anche Ken Mattingly e Fred W. Haise) potè tornare sulla Terra sfruttando una traiettoria di rientro libero attorno alla Luna. L’Apollo 13, grazie alla gravità e della Luna e all’effetto “fionda gravitazionale” volò a una distanza di 254 chilometri dalla superficie della faccia nascosta del nostro satellite, stabilendo il record, ancora valido, della massima distanza raggiunta da un essere umano dalla Terra.

A 50 anni da quell’epopea, raccontata poi nello splendido film del 1995 di Ron Howard, la NASA ha pubblicato un incredibile video 4K con la ricostruzione di ciò che videro gli astronauti mentre sorvolavano il lato oscuro della Luna, un tragitto della durata di circa 8 minuto durante il quale l’Apollo 13 perse il contatto radio con la Terra proprio per via del transito nella zona d’ombra.

Leggi anche: Sarà questo il lander che riporterà l’uomo sulla Luna nel 2024?

Il video, visibile qui di seguito, anche se è velocizzato, mostra l’intero sorvolo dell’Apollo 13 sulla superficie lunare, in una sequenza che sbalordisce e fa rabbrividire allo stesso tempo, soprattutto se si ripensa all’avventura vissuta dai tre astronauti che hanno rischiato davvero di morire nello spazio.

Fonte: Geektyrant

...e questo?
Bender assistente vocale
Alexa e Google Assistant levatevi proprio: è Bender l’assistente vocale che tutti vogliamo