Little Town: ManCalamaro annuncia la sua prima novità per il 2020

ManCalamaro (8bitBox: Double Rumble) ha annunciato questa mattina, con un post sulla sua pagina Facebook, che localizzerà Little Town, gioco da tavolo edito da Iello Games (King of Tokyo), azienda con cui la casa editrice veronese collabora ormai strettamente.

Little Town arriverà presto in Italia (probabilmente già al Modena Play 2020) grazie a ManCalamaro

Little Town è un gioco da tavolo di piazzamento tessere e piazzamento lavoratori ambientato nel medioevo, che coinvolge da 2 a 4 giocatori, dai 10 anni in su, in partite della durata compresa fra i 30 e i 60 minuti.

Come la maggior parte dei giochi localizzati da ManCalamaro, il titolo ideato da Shun e Aya Taguchi si caratterizza per un gameplay semplice e adatto a tutta la famiglia.

In Little Town, guideremo un team di architetti e dovremo inviare lavoratori in città al fine di raccogliere risorse e denaro, costruire edifici e svilupparla al meglio.

Il gioco si svolge su quattro turni, in cui potremo acquisire risorse come legno, pietre, pesce e grano piazzando fino ad un massimo di tre operai per ciascun round.

Quando si posiziona un lavoratore, si acquisiscono le risorse disponibili in tutti gli otto spazi circostanti, le stesse potranno poi essere usate per  costruire edifici che permetteranno in seguito a tutti  di ottenere bonus aggiuntivi semplicemente piazzandovi accanto uno dei propri meeple.

Tuttavia, se l’edificio non è nostro, dovremo pagare il proprietario prima di poter raccogliere le risorse adiacenti ad esso.

La costruzione ed i bonus degli edifici, oltre agli obiettivi personali assegnatici ad inizio partita, saranno fondamentali per accumulare i punti vittoria necessari per poter vincere la partita.

Come accennato sopra l’editore sta lavorando per rendere disponibile Little Town già a partire dal prossimo Modena Play 2020.

Voi cosa ne pensate del futuro nuovo gioco da tavolo di ManCalamaro? Fatecelo sapere con un commento qui sotto.

...e questo?
Old-School Essentials: Need Games! sarà l’editore italiano del GdR