Steamgirls Project: la recensione del fumetto steampunk al femminile “nato da un gioco”

steam girls

Apocalisse. Una fine dalla quale rinasce un mondo di ispirazione steampunk. Un nuovo mondo in cui vige la parità di sessi e le cui storie hanno come protagoniste donne forti e indipendenti.

Con questi ingredienti non potevamo che restare incuriositi dal mondo di Steamgirls Project, progetto ideato da Matteo Batetta, Mattia Modde e Rudy Benedet (che abbiamo avuto il piacere di conoscere di persona durante lo scorso Lucca Comics) e che ad oggi conta un artbook e due volumi che raccontano alcune storie a fumetti delle protagoniste.

Steamgirls Project ci mostra un mondo in cui le vere protagoniste sono le donne. Un artbook e due volumi a fumetti ci faranno scoprire le Steamgirls!

Steamgirls Project è un’idea interessante di cui è stato realizzato un artbook in cui viene presentata la geografia di un possibile nuovo mondo futuro, riorganizzato dopo le devastazioni degli uomini, con illustrazioni e storie di eroine e protagoniste di questo nuovo universo.

Le vicende presentate in questo primo volume hanno molto appassionato i fan, che hanno chiesto a gran voce di scoprirne di più sul mondo di Steamgirls Project e ovviamente anche sulle sue conturbanti e affascinanti protagoniste femminili.

Così il progetto, dal racconto del mondo e delle storie delle Steamgirls, si è allargato ad altri due volumi, Steamgirls Beyond e Steamgirls Beyond 2. In questi due titoli si possono trovare non solo nuove protagoniste, ma anche il racconto a fumetti di alcune vicende che vedono coinvolte le Steamgirls più amate.

Insomma, un progetto nato da un’idea che ha portato all’elaborazione di un universo complesso e sfaccettato, fatto di tante storie che si incrociano, e supportato dalle fantastiche illustrazioni di artisti che vengono da tutto il mondo.

Infatti, Steamgirls Project, la cui componente visiva è indubbiamente fondamentale, si avvale della collaborazione di molti artisti diversi che hanno realizzato artwork e fumetti, molti dei quali affermati artisti internazionali. Basti pensare a Silvia Schiavon, Sonia Aloi, Maï-Suan Lepage, Nastasia Kirchmayr, Monna Ranzoti, Alexandra Alvez, Antonio de Fabris, Sam Karasu Shikyô Lamoly e Henry Tan.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il #dayone è andato alla grande!! Domani ci trovate sempre in area self!! #steampunk #artbook #art #fantasy #steam #illustration #original #artwork

Un post condiviso da Steamgirls project (@steamgirlsproject) in data:

Il mondo di Steamgirls Projects

Una delle cose che mi ha da subito affascinata leggendo i primi tre volumi di Steamgirls Project è stata indubbiamente l’ambientazione.

Infatti, gli ideatori del progetto hanno elaborato un vero e proprio mondo steampunk alternativo che nasce dalle ceneri di un mondo devastato dalle guerre. Questo universo futuro si pone come obiettivo quello di essere migliore del precedente e di eliminare la piaga della guerra tra gli uomini. Per questo l’umanità viene divisa in quattro grandi nazioni molto diverse fra loro e vengono adottate nuove leggi per attuare in maniera definitiva la completa abolizione delle discriminazioni su base razzista e sessuale.

Dopo l’ennesima guerra globale che sconvolse il pianeta a causa della frenetica corsa alle risorse energetiche, i sopravvissuti presero alcune importanti decisioni: mai più avrebbe dovuto ripetersi il grave errore di raggiungere il punto di non ritorno che portasse a genocidi e devastazioni. Per far questo fu deciso che l’umanità si suddividesse in quattro grandi nazioni, diverse tra loro ma necessarie l’una all’altra, e questo per far si che tale cooperazione fosse indispensabile alla sopravvivenza di tutti.

Prendere coscienza della propria vulnerabilità e dipendenza da combustibili fossili portò alla riscoperta e potenziamento di energie eoliche, termiche e magnetiche, insomma pulite, che potessero alimentare una sete di progresso che mai prima d’ora l’essere umano aveva sentito e che lo portò a mirabili e leggendarie scoperte.

Ma i cambiamenti si fecero sentire anche a livello sociale, abolendo per sempre discriminazioni sessiste e razziali, con leggi severe che regolamentavano la parità dei sessi a livello di diritti e doveri. Nacquero perciò nuovi mestieri e lavori che permettevano a tutti di mostrare le proprie qualità, per garantire a ognuno una adeguata utilità per la propria nazione, e questo a prescindere dalle caratteristiche psico-fisiche dell’individuo.

steam girls

Le quattro nazioni che caratterizzano il mondo di Steamgirls Project sono: Highwind il mirabolante continente volante, Heatheart l’industriosa fucina nella terra, Deepwater la nazione subacquea dei mille tesori e Greenbreath la landa della natura, vero polmone del pianeta.

Un universo variegato che riprende alcuni scenari tipici dell’universo fantastico, ma che qui hanno un tocco di originalità dato dalla formazione di nuovi mestieri, cariche, credenze religiose e rituali. Noi lettori riusciamo a scoprire ciò dalle vicende delle protagoniste femminili di Steamgirls Projects, così da avere solo un assaggio delle sfaccettature di questo nuovo mondo, cosa che non fa alto che renderci ancora più curiosi.

Protesi meccaniche, dirigibili, strani tesori sul fondale marino, tecnologie all’avanguardia e misteri da risolvere. Insomma, il mondo di Steamgirls è ampio e variegato e se siete amanti del genere steampunk non potrete non apprezzarlo!

Un nuovo mondo tutto al femminile illustrato da tanti artisti diversi

Uno degli elementi che caratterizza il progetto Steamgirls è il fatto che questo lavoro sia stato declinato di modo da avere come protagonista assoluto l’universo femminile. In Steamgirls Project tutte le eroine sono donne e quasi tutte rivestono ruoli fondamentali e di rilievo per la società; ruoli di prim’ordine indipendentemente dall’età (resta sicuramente impressa Lysander che a soli 14 anni è già Governatrice per meriti personali e non per ereditarietà).

Un messaggio forte che nasce dalla volontà di segnare una possibile (si spera!) strada futura che potrà portare alla totale emancipazione, per assottigliare completamente le differenze tra uomo e donna. Insomma, un segnale di speranza per il futuro!

steam girls

Altro elemento originale e tipico di Steamgirls è il fatto che i tre volumi siano stati realizzati grazie all’aiuto e alla collaborazione di tanti artisti differenti. Questo fa sì che ciascuna protagonista sia diversa dalle altre non solo per la sua storia e per le sue abilità, ma anche per il modo in cui è rappresentata artisticamente. Ciò è frutto di uno studio condiviso tra artisti e ideatori del progetto. Un modo originale per far sì che ogni illustratore possa dare il suo particolare tocco personale a ciascuna delle protagoniste di Steamgirls Project.

Ultimo ma non ultimo elemento che caratterizza questo lavoro è la sua crossmedialità e la sua varietà. Infatti, Steamgirls Project nasce come “semplice” artbook per poi diventare un vero e proprio fumetto. Ma non finisce qui!

Gli appassionati sono già molti e, in breve tempo, Steamgirls Project è entrato nel mondo dei cosplay, dando il via a riproduzioni e a concorsi che hanno già avuto successo in molte fiere del fumetto e di settore. La riprova che sia a livello artistico che di storia Steamgirls sia un progetto che riesce decisamente ad affascinare!

Non solo, sembra che, oltre a continuare la storia a fumetti, il progetto possa prevedere la realizzazione di un gioco di ruolo e di un gioco da tavolo basati sull’universo Steamgirls. Insomma, non resta che aspettare per scoprire come si evolveranno le storie delle Steamgirls!

Steamgirls Project
Steamgirls Project è un'idea originale che ad oggi conta un artbook e due volumi di storie a fumetti. L'ambientazione di questo progetto ci presenta un possibile nuovo mondo futuro, riorganizzato dopo le devastazioni degli uomini, in cui l'umanità superstite viene divisa in quattro grandi nazioni molto diverse fra loro ma necessarie l'una all'altra, e vengono adottate nuove leggi per attuare in maniera definitiva la completa abolizione delle discriminazioni su base razzista e sessuale.
Pro
Ambientazione ricca e variegata, perfetta per gli amanti dei toni steampunk
Illustratori che coniugano tanti stili diversi, ciascuno legato a un personaggio
Contro
Totale concentrazione sull'universo femminile
Storie a fumetti brevi. Si sente il bisogno di saperne di più!
7.3
Voto Finale
...e questo?
beastars netflix
Beastars: l’anime “bestiale” di Netflix – Recensione della prima stagione