Diablo 4 sarà l’inizio di una nuova (lunga) storia

lilith diablo 4

Diablo 4 è senza dubbio l’IP videoludica che più ci terrà sul chi vive nei prossimi mesi, con l’annuncio del gioco arrivato durante la scorsa edizione della BlizzCon che ha scaldato nuovamente gli anime dei fan, dopo il mezzo passo falso che Blizzard aveva fatto con Diablo Immortal.

Con il prossimo capitolo  la casa di Irvine sembra avere tutta l’intenzione di rifarsi con gli interessi, visto che non si tratterà di un semplice (anche se atteso) sequel, ma sarà l’inizio di una nuova storia, anche per merito della presenza di un nuovo antagonista principale: Lilith, la figlia di Mephisto e Regina dei Succubi.

Blizzard rivela che Diablo 4 sarà come il primo capitolo di un nuovo libro, una nuova storia che verrà raccontata per molto tempo

Parlando recentemente di Diablo 4 con AusGamer, il game director Luis Barriga e il direttore artistico John Muller, hanno rivelato di essere rimasti così tanto affascinati da Lilith e dalle sue potenzialità, da realizzare un’intera nuova storia ispirata al background “biblico” del personaggio:

Tutto quello che amiamo di Sanctuary è che abbiamo già instillato il germe di questa storia. Nei libri è presente una ricca lore per cui abbiamo deciso di concentrarci sul mito della creazione. Abbiamo già affrontato Diablo e lui è sempre ritornato, quindi abbiamo pensato a cos’altro c’era a disposizione.

Muller ha specificato che siamo di fronte a una sorta di nuovo inizio, facendo intuire che Blizzard abbia già pianificato a future espansioni e nuovi capitoli:

Diablo IV è come il primo capitolo di un libro. Vogliamo raccontare una grande storia e vogliamo farlo, speriamo, per molto tempo.

Considerare questo come il primo capitolo di un libro e Lilith come un personaggio chiave in questa storia è davvero emozionante, come è bello sapere che ci sono ancora tutti questi altri personaggi che potrebbero tornare in futuro o nuovi personaggi che non abbiamo mai visto in precedenza.

Leggi anche: Diablo 4 – Online un lungo gameplay con protagonista il barbaro

Durante l’intervista Barriga e Miller hanno rivelato anche altri dettagli sul gioco che si presenterà come un’immensa mappa senza interruzioni e senza schermate di caricamento.

Per ottenere questo risultato il team di sviluppo ha esaminato tutti i giochi open world di Blizzard, non solo quelli di tipo RPG, per carpire le soluzioni migliori da portare in Diablo 4:

Ci saranno cinque regioni contigue nel mondo con la possibilità di attraversare la mappa passando da nord, il punto più settentrionale di Scosglen che è l’area vista nella prima demo, fino in fondo attraverso le aride steppe e i deserti del Kejhistan.

Questo è il livello di dettaglio che abbiamo aggiunto nella creazione del mondo.

Insomma, a quanto pare dovremo prepararci per benino all’arrivo di Diablo 4, magari riprendendo in mano tutta la serie a partire dal primo, storico, capitolo che può essere giocato via web a questo indirizzo.

Diablo IV si svolge molti anni dopo gli eventi di Diablo III, in cui milioni di persone sono state massacrate dagli agenti degli Inferi Fiammeggianti e del Paradiso Celeste.

E in questo vuoto di potere, una figura legendaria fa la sua ricomparsa.

Fonte: Gamerant

Leggiamo altro?
Dark Alliance sta per tornare! Ecco il trailer del nuovo gioco di Dungeons & Dragons