In Giappone si distribuiscono gratis i preservativi di Sailor Moon

Potere del sesso sicuro vieni a noi!

Se pensavate che il compito delle guerriere Sailor fosse solo quello di difenderci dalle forze del male, allora avete sottovalutato il potere delle combattenti vestite alla marinaretta, perché Bunny e compagne sono un baluardo contro le malattie sessualmente trasmissibili e anche contro il rischio di gravidanze inaspettate.

Il governo giapponese distribuirà gratuitamente dei preservativi di Sailor Moon nel corso di alcuni eventi a Tema in programma nei prossimi giorni

L’immensa macchina del merchandising legato al franchise creato da Naoko Takeuchi, ha infatti infatti “sfornato” un nuovo prodotto: i preservativi di Sailor Moon, anche se a dire il vero sembra che sia in commercio da tempo.

La particolarità di questi profilattici (non, non vi eccitate perché non hanno nessuna gonnellina né tantomeno fiocchi colorati) è che saranno distribuiti gratuitamente nel corso di alcuni eventi dedicati proprio alla saga di Sailor Moon.

L’iniziativa vede coinvolti il due ministeri del governo giapponese, quello della Salute e quello del Lavoro e del Walfare, i quali hanno collaborato con l’HIV Act Against AIDSW, un’organizzazione dedita alla lotta contro l’HIV e l’Okamoto Lovers Lab, una divisione del produttore giapponese di preservativi Okamoto Condoms.

preservativi di Sailor MoonI preservativi di Sailor Moon, disponibili in un simpatico pacchetto a forma di cuore decorato con una versione chibi della protagonista Bunny (Usagi Tsukino), sono stati distribuiti gratuitamente ai partecipanti all’evento tenutosi sabato scorso presso il complesso commerciale Mark Is Fukuoka Momochi nella città di Fukuoka, con una seconda “elargizione” di profilattici in occasione di un secondo evento, il 14 ottobre prossimo, all’Alice Garden nel centro di Hiroshima City.

Insomma, se qualche partecipante si lascerà prendere dal sexy potere del cristallo di Luna potrà dare libero sfogo alle proprie passioni senza timore alcuno!

Fonte: Soranews24

...e questo?
libro coronavirus
The Eyes of Darkness: il romanzo del 1981 che aveva “profetizzato” il Coronavirus (o forse no?)