Lucky Red ha risposto ai fan (e alle critiche) sugli adattamenti dei film dello Studio Ghibli

Dopo qualche settimana di assoluto silenzio, Lucky Red, attraverso la pagina Facebook di Studio Ghibli Italia e al suo sito ufficiale, ha risposto alle numerose critiche approdate sui social in seguito alla vicenda che ha visto Netflix optare per rifare l’adattamento italiano di Evangelion.

Lucky Red risponde ai fan che speravano di poter rivedere i film dello Studio Ghibli senza il nuovo adattamento di Gualtiero Cannarsi

Come molti di voi sapranno, prima di arrivare ad occuparsi del nuovo adattamento di Evangelion, Gualtiero Cannarsi è stato infatti il responsabile del nuovo adattamento dei film dello Studio Ghibli per l’Italia; secondo molti rovinando l’opera di doppiaggio e adattamento già realizzata in precedenza.

La speranza dei fan era quella che Lucky Red prendesse la stessa decisione di Netflix, sostituendo il lavoro svolto da Cannarsi. Le cose, però, sembra che andranno diversamente.

Ecco il comunicato ufficiale:

Quanti titoli Studio Ghibli ha distribuito Lucky Red in Italia?

Sono in totale 21. L’elenco comprende l’intera filmografia di Hayao Miyazaki (ad eccezione del suo primo film, Lupin III – Il Castello di Cagliostro), alcuni titoli di Isao Takahata, Goro Miyazaki, Hiromasa Yonebayashi e altri registi della scuderia Ghibli (Tomomi Mochizuki, Yoshifumi Kondō e Hiroyuki Morita).
La maggior parte di essi ha avuto prima un passaggio in sala e poi l’uscita home video. Per altri abbiamo invece optato per un’uscita direct to video.

Quanti spettatori hanno totalizzato tra cinema e home video?

Gli spettatori sono stati complessivamente circa 700.000 (per l’esattezza 671.173), mentre sono più di un milione e mezzo le copie vendute in home video, tra dvd e blu-ray. Tutte le edizioni sono state curate negli aspetti tecnici, nei contenuti e nella creatività dal nostro reparto home video, approvate da Studio Ghibli e hanno ricevuto apprezzamenti positivi da parte di pubblico e critica.

Chi ha selezionato il responsabile dell’adattamento dei titoli Studio Ghibli?

Quando Lucky Red ha acquisito il primo film dello Studio (Il Castello Errante di Howl, presentato in anteprima alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia del 2004) un gruppo di fan ha contattato l’azienda suggerendo, per la direzione del doppiaggio, il nome di Gualtiero Cannarsi, che aveva già in precedenza adattato alcuni titoli di Studio Ghibli, distribuiti da Buena Vista. La proposta è stata valutata e condivisa con i responsabili di Studio Ghibli, che hanno ritenuto valido il lavoro di Cannarsi e approvato la scelta del distributore.

Quanti titoli sono stati adattati da Gualtiero Cannarsi?

Tutti, rinnovando di volta in volta la collaborazione, sempre previa approvazione da parte dello Studio Ghibli.
Per Mary e il fiore della strega, di Hiromasa Yonebayashi, invece, di concerto con Studio Ponoc, si è optato per un altro direttore del doppiaggio.

Gualtiero Cannarsi ha avuto contatti diretti con Studio Ghibli?

Certo. Per tutti i film Gualtiero Cannarsi ha lavorato a stretto contatto con Studio Ghibli, che ha approvato ogni singola fase del lavoro: dalla traduzione dei dialoghi alla scelta delle voci.

Studio Ghibli ha mai manifestato perplessità sull’operato di Gualtiero Cannarsi?

No, non è mai accaduto. Hanno sempre apprezzato e rispettato il lavoro di Cannarsi.

Lucky Red e Studio Ghibli procederanno ad un nuovo adattamento dei titoli distribuiti?

Come già ampiamente chiarito, scegliere Gualtiero Cannarsi per gli adattamenti dei film Ghibli è stata una scelta che Lucky Red ha assunto in completo accordo con Studio Ghibli, pertanto tale decisione non verrà messa in discussione.
Lucky Red è dispiaciuta che il risultato non venga apprezzato da tutti gli utenti. D’altra parte il successo e il favore ricevuto in questi anni distribuendo il catalogo Ghibli in Italia, e dando ad esso una visibilità straordinaria, conforta l’azienda sul fatto che esista una grandissima schiera di sostenitori del proprio lavoro.

È già stato individuato un adattatore per futuri titoli prodotti dallo Studio Ghibli e Studio Ponoc?

No. Come già accaduto in passato con Ghibli e più recentemente con Studio Ponoc, per i film d’animazione futuri la scelta dell’adattamento verrà valutata insieme al produttore, tenendo in considerazione sia le valutazioni di carattere qualitativo che le aspettative del pubblico.

Cosa ne pensate dell’intera vicenda? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

Leggiamo altro?
what if marvel
Marvel What If …?: la serie animata del MCU si mostra con le prime sequenze
>