Bubble Tea Challenge: in Giappone impazza la sfida tra chi riesce a bere con le tette

Dalla terra del Sol Levante arriva una nuova mania che potenzialmente potrebbe essere la tendenza di questa estate, e valicare i confini del Giappone diventando virale sui social.

Le ragazze giapponesi si sfidano nella Bubble Tea Challenge, una moda diventata virale che consiste nel bere una bibita poggiata sulle tette

Si tratta della cosiddetta Bubble Tea Challenge, una sfida che ha rapito le donne giapponesi e consiste nel bere, con una cannuccia, la celebre bibita appoggiata sulle tette.

Ovviamente tale abilità, oltre a richiedere destrezza, equilibrio e una capacità di concentrazione da vero samurai, necessita di un seno abbastanza prosperoso e sodo da poter fornire uno stabile appoggio alla bevanda.

Questa singolare tendenza ha avuto origine dalla pubblicazione, su Twitter, di un disegno del mangaka Kiseki Himura (Sword Art Online Progressive), illustratore e creatore della serie Twitter Getsuyoubi no Tawawa (Tawawa del lunedì), con protagonista Ai-chan mentre beve con una cannuccia da un bicchiere posato sul suo generoso seno.

L’immagine è davvero familiare perché è simile a quella che, nel 2016, diede il via alla Tawawa Challenge, che consisteva nel mantenere lo smartphone in equilibrio sulle tette.

Il web non si è fatto sfuggire l’occasione e la Bubble Tea Challenge è diventata ben presto virale, ispirando non solo altri illustratori a disegnare personaggi con bicchieri in equilibrio sui seni, ma innescando una challenge a ripetizione tra ragazze dotate che, in un modo o nell’altro hanno accettato la sfida fotografandosi mentre sorseggiano bibite utilizzando il proprio ‘davanzale’.

Aiutato dalle mie modestissime nozioni di giapponese mi è venuto in mente lo slogan “kanpai oppai” e, ripensandoci, sembra attinente e suona pure bene e, chissà, potrebbe spingere qualche lettrice a rispondere per le rime alle ragazze giapponesi!

Fonte: SoraNews24

Leggiamo altro?
Tom Hiddleston su The Avengers: “chiedere a Chris Hemsworth di darmi un vero pugno non è stata una buona idea”