Pet Sematary: è morto Leo, il gatto zombi protagonista del remake

Questa volta lo slogan di Pet Sematary ‘A volte morto è meglio’ è abbastanza triste da ricordare perché Leo, il gatto che ha interpretato Church (in versione zombi) nel recente remake del film ispirato al racconto di zio Stephen King, è morto questa notte.

Questa volta nessuno riporterà in vita Leo, il gatto protagonista del remake di Pet Sematary morto la scorsa notte

La notizia è stata data dall’addestratore Kirk Jarrett utilizzando l’account Instagram dedicato proprio al felino, uno dei quattro gatti della razza Maine Coon utilizzati durante le riprese del film diretto da Kevin Kolsch e Dennis Widmyer.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ♥ Leo ♥ (@church_aka_leo) in data:

È con grande tristezza che vi comunichiamo la morte di Leo. Ha lasciato per sempre la sua famiglia umana e anche quella pelosa. Possa la sua stella brillare sempre luminosa.

Jarret aveva adottato Leo proprio alla fine delle riprese e riservando per il micione le attenzioni di una vera star, tra le quali l’apertura di un profilo Instagram seguito da oltre 15.000 follower.

Speriamo che il suo padroncino possa dargli degna sepoltura, ovviamente alla larga da qualsiasi bosco o antico cimitero indiano.

Potete rivedere Leo nel ruolo di Church qui di seguito, nel trailer finale del film.

Trama  e dettagli del remake di Cimitero Vivente

Basato sull’omonimo romanzo horror di Stephen King, Pet Sematary narra la storia del dottor Louis Creed (Jason Clarke) che, dopo essersi trasferito da Boston in una zona rurale del Maine insieme a sua moglie Rachel (Amy Seimetz) e ai loro due bambini, scopre un misterioso cimitero nascosto nel bosco vicino alla sua nuova casa.

Quando una straziante tragedia colpisce Louis e la sua famiglia, l’uomo si rivolgerà al suo insolito vicino Jud Crandall (John Lithgow) in cerca di aiuto, scatenando una pericolosa reazione a catena che libererà una malignità ancestrale provocando conseguenze terrificanti.

Pet Sematary ha debuttato il 5 aprile 2019.

Commenti
Caricamento...