Un geniale studente realizza protesi costruite coi Lego, diventando l’idolo del web

Quando giocavo con i Lego ho costruito qualunque cosa, complice la sensazione che quei mattoncini colorati mi consentissero di creare davvero qualsiasi idea mi venisse in mente.

Non avrei mai pensato, però, che un giocattolo così semplice potesse un giorno diventare il punto di partenza per aiutare sensibilmente l’umanità (ok, magari ho un filo esagerato) eppure è notizia di queste ore che qualcuno sta realizzando protesi costruite coi Lego!

Protesi costruite coi Lego, il transumanesimo realizzato con i mattoncini colorati più amati del mondo!

A realizzarla è un giovane studente spagnolo, David Aguilar, laureando in bioingegneria all’Universitad Internacional de Catalunya. E a dirla tutta, non è nemmeno la prima delle protesi costruite coi Lego, dato che l’intraprendente David sta utilizzando la quarta versione della sua brillante invenzione.

David ha costruito questa protesi per supplire la sua menomazione al braccio destro, come racconta lui stesso a Reuters:

“Da bambino ero sempre nervoso in presenza di altri perché mi sentivo diverso, ma questo non mi ha impedito di inseguire i miei sogni. Volevo potermi guardare allo specchio ed esser come tutti gli altri, con due mani”

La passione per i mattoncini Lego di David è passata da svago a strumento per realizzare il suo obiettivo.

Nel novembre 2017, grazie all’utilizzo di materiali forniti da un suo amico, David ha presentato la sua prima protesi costruita coi Lego. All’epoca, il ragazzo aveva solo 18 anni, e il modello realizzato prevedeva un’articolazione all’altezza del gomito e una pinza prensile.

protesi costruite coi lego 1

 

Da quella prima protesi costruita coi Lego, David ha creato altre versioni, arrivando alla MK IV. Esatto, oltre che di Lego, David è anche un fan di Iron Man, e ha omaggiato il suo supereroe battezzando le proprie creazioni con la numerazioni usata da Tony Stark per le sue armature.

David non utilizza le sue ingegnose protesi continuamente, essendo completamente autosufficiente anche senza di esse. Quando non vengono indossate, queste invenzioni fanno bella mostra di loro nella stanza del campus universitario dove vive David, un segno tangibile della sua genialità e della sua ferrea volontà.

Dopo aver creato le prime protesi costruite con i Lego, il sogno di David, una volta laureato, è quello di realizzare protesi che siano  ad appannaggio di tutti coloro che ne hanno necessità

“Vorrei provare a dare a tutti loro una protesi, anche gratuitamente, in modo da farli sentire come persone normali, perché in fondo cos’è davvero normale?”

David presenta le sue creazioni su un canale YouTube, Hand Solo, che oltre a rendere il giovane inventore spagnolo un vero nerd (e a noi i nerd piacciono moltissimo, giusto?), dimostra che il ragazzo sia intenzionato a mostrare a tutti come nulla sia impossibile e che le disabilità non sono un freno, ma uno stimolo a reagire.

Leggiamo altro?
Niantic è al lavoro su un paio di occhiali per Realtà Aumentata in collaborazione con Qualcomm
>