Gideon Falls: Lemire ci sfida a entrare nel Fienile Nero! – Recensione

Ci sono autori che quando escono con una nuova storia inevitabilmente mi spingono a correre in fumetteria. Jeff Lemire rientra di diritto in questa categoria, senza alcuna eccezione. Dire che ho adorato Descender o Black Hammer sarebbe un eufemismo, in realtà ho una viscerale passione per l’inventiva di Lemire. Il che spiega perché attendevo con una certa ansia la nuova creatura del buon Jeff: Gideon Falls.

Gideon Falls (1)

Gideon Falls, anime perse pronte a convergere nel Fienile Nero

Il primo volume di Gideon Falls arriva in questi giorni nelle librerie e fumetterie italiane grazie a BAO Publishing, che ancora una volta sceglie di puntare sull’autore canadese. Per nostra fortuna (mia, sicuramente) visto che Gideon Falls si prospetta come una lettura decisamente promettente.

Gideon Falls (4)

Ancora una volta, la produzione fumettistica più interessante dei comics americani torna in quella fetta di America poco conosciuta, l’anima rurale degli States. La scelta di Lemire di rendere la cittadina di Gideon Falls il palcoscenico della sua storia è un ottimo modo per consentire ai suoi personaggi di muoversi in un ambiente che renda ancora più avvincente il tono misterioso della vicenda.

Lemire vuole assorbire lentamente il lettore nella sua nuova creazione, e la lenta vita di una cittadina dell’America rurale è ideale per questo meccanismo. La vita scandita da ritmi lenti, in cui i pettegolezzi e gli sguardi indagatori dei cittadini solo l’unica cosa veloce è ben ricreata dallo scrittore canadese, che utilizza questi elementi per mettere subito in risalto l’arrivo di padre Fred, il nuovo parroco della città.

Gideon Falls (2)

Già in queste prime battute traspare la volontà di Lemire di creare un sottile substrato di ansia e inquietudine, presentando l’ecclesiastico come un uomo complesso e con un passato ingombrante che verrà lentamente svelato. La prima impressione di padre Fred è di un’anima in cerca di un rifugio, intenzionata a non volersi confrontare con il mondo, dopo avere visto le brutture e, soprattutto, avervi ceduto. Il ritirarsi in seminario era la sua via di fuga, ma ora il suo dovere di pastore di anime lo porta a dovere abbandonare questo rifugio.

E siccome le vie del Signore son misteriose, il passato di Padre Fred potrebbe esser proprio quel che serve a Gideon Falls per comprendere gli inquietanti segreti che animano il paese, primo fra tutti il Fienile Nero. La difficoltà di Padre Fred nell’inserirsi in questo complesso meccanismo, partendo dalla morte del suo predecessore, è un inno della bravura di Lemire, che ancora una volta dimostra di esser un ottimo narratore.

Nonostante siano evidenti richiami a capisaldi della narrativa di genere, in modo particolare a  Twin Peaks, Lemire riesce a stuzzicare il lettore con il lieve sentore di una certa familiarità, ma si spinge poi in una storia lisergica in cui le suggestioni interiori dei personaggi diventano ingranaggi di un complesso meccanismo che può offrire un’esperienza fumettistica di grande livello.

Gideon Falls

Ma non è solo Padre Fred ad esser messo alla prova. Lemire vuole addentrarsi nell’animo umano andando a toccare un argomento particolare: la fede. Sarebbe semplicistico ricondurla solo alla figura di padre Fred e alla sua crisi interiore, ed ecco che Lemire fa il suo solito gioco di prestigio, inserendo altri due personaggi stupendi.

Legati a doppio filo, Norton e la dottoressa Xu sono l’applicazione di un concetto più estremo di fede, quella che scaturisce dalle nostre convinzioni (per il primo) e la demolizione delle nostre sicurezze (per la psicologa). Ideare questa coppia è una delle intuizioni più felici di Lemire, che li intreccia profondamente, ribaltando con un tocco delicato ma impeccabile il ruolo di guida verso la verità.

Ad essere appassionante in Gideon Falls è il mettere al centro dell’azione un ribaltamento di fronte tra anime infrante e personalità forti, che a metà del volume sembrano invertire i rispettivi ruoli. Padre Fred, nel suo percorso alla ricerca di un senso per la propria esistenza, trova una missione nello scoprire la verità su cosa serpeggia in Gideon Falls. Norton e la sua terapista, invece, invertono i rispettivi punti di vista, arrivando ad una conclusione di capitolo che lascia il lettore con respiro mozzato.

Con Gideon Falls, BAO Publishing presenta al pubblico italiano l’ennesimo tesoro firmato da Lemire

E da Lemire non ci si poteva certo aspettare di meno. La sua vena creativa si è sempre spinta a cercare nuove suggestioni, premendo sull’emotività dei lettori e sfidandoli a comprendere le sue dinamiche narrative.

Per dare corpo alle atmosfere spesso oniriche di Gideon Falls serviva una sensibilità artistica che cogliesse l’essenza di Lemire e la riproducesse mantenendo la potenza narrativa. Andrea Sorrentino, pagina dopo pagina, si rivela la scelta giusta. Il talento del disegnatore esplode sulle pagine, creando gabbie che racchiudono le vignette come percorsi mentali in cui veniamo guidati per non perderci, ispirati da espressioni vivide e momenti di pura tensione. Sorrentino sfoggia tutta la sua arte in alcune tavole doppie che sono sacrificate nel volume di Bao Publishing, dovrebbero esser esposte in una galleria per poterne ammirare la devastante ed inquietante bellezza.

Gideon Falls

Parte integrante di questo impatto visivo sono i colori di Dave Stewart, che con la sua colorazione contribuisce alla creazione di un mondo che alterna solarità rurali a cupi grigiori urbani, sino a cromie estreme che enfatizzano deliri ed incubi.

BAO Publishing ha felicemente intuito il potenziale di Gideon Falls, portandolo finalmente nelle librerie italiane. Oltreoceano, il fumetto targato Image Comics ha avuto un grande successo di pubblico, e dover ammirato le terrificanti atmosfere non è difficile capirne il perché. Più terrificante del Fienile Nero è solo l’attesa per il secondo volume di Gideon Falls!

Potrebbe piacerti anche
Commenti
Caricamento...