Glass mostrerà alcune sequenze inedite di Unbreakable

Il 2019 si è aperto all’insegna dello strepitoso successo di Aquaman, il film diretto da James Wan che ha dato il via a tutta una serie di pellicole sui supereroi attese nei prossimi mesi e  vedrà, tra pochi giorni, anche la prima assoluta di Glass, terzo capitolo della saga supereroistica cinematografica  firmata da M. Night Shyamalan.

M. Night Shyamalan rivela che in Glass ci saranno delle scene inedite originali di Unbreakable, il primo capitolo della trilogia supereroistica

Nell’attesa di scoprire i misteri irrisolti rimasti celati sia in Unbreakable (2000) che in Split (2017), proprio il regista indiano naturalizzato USA ha svelato che in Glass vedremo delle scene originali e inedite del primo film della trilogia, sequenze che dovrebbero avere come protagonista Joseph, il figlio di David Dunn (Bruce Willis):

Non voglio rivelarvi troppo, ma potrete assistere a scene originali di Unbreakable che non avete mai visto.

Trama, dettagli, trailer e data di uscita di Glass

Da Unbreakable, Bruce Willis torna nei panni di David Dunn come Samuel L. Jackson torna nei panni di Elijah Price, noto con lo pseudonimo Mr. Glass.

Insieme a loro arrivano da Split i protagonisti James McAvoy, che ritorna nei panni di Kevin Wendell Crumb e delle sue personalità multiple, e Anya Taylor-Joy come Casey Cooke, l’unica prigioniera sopravvissuta a un incontro con La Bestia.

Dopo la conclusione di Split, in Glass troviamo Dunn inseguire Crumb e la sua Bestia in una serie di incontri in crescendo, mentre emerge l’ombra di Price, orchestratore che conosce segreti importanti per entrambi gli uomini.

Nella pellicola, diretta ancora una volta da M. Night Shyamalan, torneranno Bruce Willis, nei panni dell’eroe quasi indistruttibile David Dunn; Samuel L. Jackson, nei panni del fragile villain Mr. Glass, James McAvoy, nel ruolo del villain dalle molteplici (e oscure) personalità Kevin Wendell Crumb; e Anya Taylor-Joy, nei panni di Casey Cooke.

Il film debutterà al cinema il 18 gennaio 2019.

Fonte: Gizmodo

Potrebbe piacerti anche