Wild Cards, la nuova serie tratta dal franchise di George R.R. Martin, arriverà finalmente in TV?

Wild Cards

Annunciata ancora nell’agosto del 2016, Wild Cards, la serie TV tratta dai romanzi “supervisionati” da George R.R. Martin (il papà de Il Trono di Spade) sembra aver trovato finalmente una casa.

Wild Cards, la serie TV edita dall’autore de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, George R. R. Martin, potrebbe finalmente arrivare in televisione

Stando ad un recente report di The Hollywood Reporter, Hulu sarebbe vicina ad acquisire i diritti del franchise che, ricordiamo, è nato da una serie di romanzi scritti a partire dal 1987 e che contiene 27 libri (e altri sono in arrivo).

Questi si trovavano in un limbo in realtà già dal 2011, quando SyFy acquisì i diritti nella speranza di poter realizzare un film (nello stesso anno debuttò su HBO Game of Thrones). Cinque anni dopo era Universal Cable Productions ad acquistare i diritti, nella speranza di portare in televisione una serie TV.

Wild Cards

Di cosa parla Wild Cards?

Wild Cards è una serie di romanzi ideata da un gruppo di scrittori di fantascienza del Nuovo Messico, curata e supervisionata da George R. R. Martin insieme a Melinda M. Snodgrass.

Nella serie, la storia dopo la seconda guerra mondiale ha preso una piega alternativa. Questo a causa di un virus alieno rilasciato sopra i cieli di New York. Il virus ha riscritto infatti il DNA delle persone, uccidendone il 90%. Un restante 9% subisce delle mutazioni, mentre il rimanente 1% ottiene dei superpoteri. Tra loro, però, alcuni hanno ricevuto dei superpoteri inutili o ridicoli (come far crescere peli o cambiare colore della pelle).

Nonostante l’ambientazione fantasy, la serie mantiene uno stile realistico nella narrazione, utilizzando sovente anche dei personaggi realmente esistiti o ancora in vita.

Il primo volume di Wild Cards uscì nel 1986 e fu nominato al Hugo Awards, quell’anno vinto da Watchmen di Alan Moore.

Avete letto i libri? Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qua sotto!

Leggiamo altro?
La signora in Giallo
La signora in Giallo è su Airbnb: ora si può dormire nella casa di Jessica Fletcher