Godzilla, Hulk, Star Trek e il Gatto di Schroedinger: la NASA scopre le nuove costellazioni nerd

Il cielo è sempre più nerd e, se nell’antichità i gruppi di stelle osservabili nella volta celeste venivano accostati a eroi, dei, animali e creature mitologiche affinché potessero essere più facilmente riconoscibili, al giorno d’oggi l’immaginario collettivo dispone di una miriade di riferimenti e personaggi iconici a cui poter attingere e, ovviamente, c’è una buona percentuale di scienziati e studiosi nerd che non aspettano altro per “esternare” le proprie passioni.

Grazie al telescopio spaziale Fermi la NASA scopre 88 nuove costellazioni e le battezza con i nomi di Godzilla, Hulk, Enterprise, Mjolnir e il Gatto di Schroedinger

Accade così che, la scoperta di 88 nuove costellazioni fatta dalla NASA, frutto dell’osservazione di circa 3.000 sorgenti di lampi gamma (generate dalle più violente e apocalittiche esplosioni dell’universo), permetta agli scienziati di battezzare questi nuove “porzioni” di volta celeste con nomi che fanno riferimento anche alla cultura pop e non solo come: Godzilla, l’Incredibile Hulk, l’Enterprise di Star Trek, il Tardis del Doctor Who, il Mjolnir di Thor, a cui si associano anche Albert Heinstein, Il Piccolo Principe, il Colosseo, il Monte Fuji, la Torre Eiffel e anche il Gatto di Schroedinger (per la felicità di Sheldon Cooper).

Le nuove costellazioni, visibili sul sito web interattivo realizzato ad Hoc dalla NASA, sono state scoperte grazie al satellite/telescopio Fermi (Fermi Gamma-ray Large Area Space Telescope), costruito con la collaborazione delle agenzie spaziali di Italia, Francia, Giappone e Svezia per lo studio dei raggi gamma emessi da corpi celesti come pulsar, supernovae e buchi neri.

Proprio l’immensa energia dei raggi gamma, che agli scienziati ha ricordato il potente “raggio atomico” emesso dalle fauci di Godzilla, ha indotto gli studiosi a battezzare una di queste costellazioni come il re dei kaiju:

Godzilla è uno dei mostri più famosi della storia del cinema ed è uno tra i simboli più riconoscibili della cultura popolare giapponese.

Nel film originale del 1954, i test nucleari dell’uomo disturbavano l’habitat oceanico della creatura, che emergeva dalle profondità marine per scatenare la sua furia distruttiva sul Giappone.

Il marchio di Godzilla è il suo “raggio atomico”, che è qualcosa di molto simile ai raggi gamma associati ai buchi neri e alle stelle di neutroni.

Potrebbe piacerti anche