Campus Party: arriva a MIlano il Festival dell’innovazione e della creatività

Cinque giorni (e quattro notti) non stop, 4 mila tende, 7 palchi, 20 mila visitatori attesi, 350 speaker provenienti da tutto il mondo, 450 ore di contenuti, centinaia di partner, tra aziende, istituzioni, community e università.

Dal 18 al 22 luglio 2018 Milano ospita la tappa italiana del Campus Party, il Festival internazionale dell’innovazione e della creatività

Dal 18 luglio al 22 luglio Rho Fiera Milano diventa la città a più alta concentrazione di giovani digitali. Arriva infatti in Italia la seconda edizione di Campus Party, la tappa italiana delpiù grande festival internazionale sul mondo dell’innovazione e della creatività.

L’invito di Campus Party è sfidante: “Riscriviamo insieme il codice sorgente dell’Italia”.

Una vera e propria immersione nella più pura tecnologia, dedicata ai giovani fra i 18 e i 35 anni.

Per 5 giorni gli “sviluppatori” del futuro creano insieme, con la partecipazione di aziende, istituzioni, community e università che condividono le proprie esperienze confrontandosi per cambiare il Paese.

Attività 24 ore su 24 ma anche un Village con tende (fornite dall’organizzazione dell’evento) dove sognare nuove dimensioni.

Sono oltre 350 gli speaker che saliranno sui palchi di Campus Party. Tra i keynote speaker sono presenti Guido Tonelli, fisico portavoce dell’esperimento CMS al CERN che ha portato alla scoperta del Bosone di Higgs e Jon “Maddog” Hall, Executive Director of Linux Foundation.

Particolare attenzione è data al mondo dell’entertainment e dei videogiochi anche grazie alla presenza di George Hotz, informatico e hacker statunitense, il primo ad aver eseguito un jailbreak dell’iPhone 3S e un hacking della PlayStation 3.

Oppure di Jon Hare, Veteran Game Designer e inventore del Sensible Soccer, il primo di una lunga serie di videogiochi dedicati al calcio e sviluppato nel lontano 1992.

Saliranno sui palchi anche Steve Wright, veterano dei VFX che ha coniato il termine “Easter Egg”, i famosi contenuti nascosti all’interno dei videogiochi o film; Jesper Kyd, John Broomhall e James Hannigan, compositori di celeberrime e premiatissime colonne sonore videoludiche, tra cui le sonorità di Assassin’s Creed, Forza Motorsport 5, Battlefield 4,  che faranno rivivere le emozioni dei videogame storici attraverso la musica.

Potrebbe piacerti anche