Black Panther “graffia” il fondamentalismo: sarà il primo film proiettato in Arabia Saudita dopo 35 anni!

Gli artigli di Black Panther non hanno lasciato il segno soltanto per il successo economico e di critica del film, ma stanno per graffiare via decenni di oscurantismo e radicalismo religioso.

Gli eroi di Wakanda, capeggiati da T’Challa, saranno protagonisti di un evento storico: Black Panther, infatti, sarà il primo film ad essere proiettato in Arabia Saudita dopo 35 anni, a seguito dei fatti successivi al sequestro della Grande Moschea.

 Il 20 novembre 1979, alcuni dissidenti islamici (individuati dal mondo islamico come filo-americani) occuparono militarmente per due settimane la grande Moschea della Mecca in Arabia Saudita, luogo santo dell’Islam.

Tra le tante conseguenze politico-economico-culturali dell’assedio, il governo dell’Arabia Saudita chiuse quasi tutti i cinema pubblici del paese, istituendo un bando sul cinema in vigore da 35 anni a questa parte.

Questo aprile, però, il cinecomic Marvel metterà fine a questo divieto, mostrandosi al popolo dell’Arabia Saudita con una première nel corso di un evento di gala in occasione dell’inaugurazione del nuovo cinema AMC di Riyadh, uno dei tanti che dovrebbero nascere nel corso dei prossimi anni.

La proiezione di Black Panther in Arabia Saudita è il risultato degli sforzi del principe ereditario Mohammed bin Salman nel suo impegno di incrementare il numero degli eventi culturali e ricreativi a favore dei suoi sudditi.

Il film sarà presentato da Disney con la collaborazione di Italia Film, distributore ufficiale per gli studios in tutto il sud-est asiatico.

Black Panther

Il film Marvel è ambientato dopo gli eventi raccontati in Captain America: Civil War e vede T’Challa tornare nell’isolata e tecnologicamente avanzata nazione africana di Wakanda per prendere il suo posto come Re.

Ma quando un vecchio nemico farà ritorno, il suo ruolo come sovrano e la sua identità come Black Panther verranno messe alla prova e T’Challa sarà trascinato in un conflitto che metterà a rischio il destino di Wakanda e di tutto il mondo.

Il film, che ha debuttato al cinema lo scorso 14 febbraio, è diretto da Ryan Coogler e vede nel cast: Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’o, Danai Gurira, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Angela Bassett, Forest Whitaker, Andy Serkis, Letitia Wright, Winston Duke, Florence Kasumba, Sterling K. Brown e John Kani.

La sceneggiatura della pellicola è stata scritta a quattro mani da Ryan Coogler e Joe Robert Cole.

Fonte: Gizmodo