The Black Lightning: la vocazione di un eroe – Recensione

the black lightning 1x02 cover

Dopo una prima puntata molto promettente, Black Lighting con il suo secondo episodio sembra mantenere le ottime premesse mostrate. La nuova serie Tv di Netflix, infatti, riesce a coniugare il contesto fantastico tipico delle produzioni legate ai super eroi con le problematiche di una società, quella americana, ancora profondamente piagata dalla disparità razziale.

L’elemento sociale in Black Lightning è trattato in modo particolarmente sentito. Non è presentato nel classico binomio bianchi contro neri, ma analizza la dicotomia tra giusto e sbagliato all’interno della stessa comunità afroamericana. La disparità sociale è alla base delle condizione della comunità afro della cittadina, ma anziché soffermarsi sulle sole cause, evitando una retorica spesso stantia, ci si addentra nelle conseguenze.

Black Lightning offre un perfetto incastro tra vita sociale di una comunità e il lato intimo dell’eroe

Jefferson Pierce (Cress Williams) è il nostro punto di vista. Da un lato, oratore sopraffino e stimolata dalla consapevolezza che esiste una via pacifica, dall’altro pronto a scendere a patti con gli elementi criminali per arrivare ad un mantenimento dello status quo che consenta ai suoi ragazzi di non rimanere schiacciati da questa criminalità dilagante.

E funziona ancora meglio perché all’interno di questo suo personale tastare il polso della comunità subentra il suo trascorso supereroistico come Black Lightning. Pierce ha rinunciato alla sua figura di vigilante per amore della famiglia, con la speranza di poter aver una vita normale. Ma anche se siamo in casa DC, quel ‘da grandi poteri derivano grandi responsabilità‘ di marvelliana memoria entra prepotente nella serie di Netflix. Fortunatamente, per noi spettatori.

LaWanda: Il libro della speranza è un episodio suggestivo che valorizza più l’aspetto morale della figura di Pierce che non la sua vita in calzamaglia. La nomea dell’uomo di Gesù nero della comunità, il suo continuo citare il reverendo King, lo rendono quasi un profeta di un ideale che fatica ad emergere, schiacciato da un contesto urbano degradato e che pare aver la meglio sui principi in cui Pierce crede. E se ci fosse bisogno di un nuovo messia, qualcuno che salvi le anime di buone della città?

the black lightning 1x02 1

I titoli degli episodi hanno un riferimento spesso biblico, come Resurrezione, ed il modo in cui Jefferson Pierce si pone ha spesso più del predicatore che non del preside. A questo si unisce la sua sopraggiunta consapevolezza che il suo potere non può rimanere inutilizzato, ma deve tornare ad esser Black Lightning. A costo di grandi sacrifici, come la perdita della propria tranquillità familiare.

Il secondo episodio di questa serie è costruito in modo da esaltare questa sorta di vocazione, una chiamata che tocca il cuore di Pierce. La vediamo manifestarsi nel crescente senso di impotenza, nella ricerca di una soluzione pacifica che viene costantemente infranta, mentre i malvagi sembrano aver un potere maggior di quanto dovrebbero. La regia della puntata si concentra sui dettagli che portano a questa rivelazione, alla necessità di Pierce di esser Black Lightning, valorizzando al meglio la recitazione di Cress Williams, pulita, capace di passare dal tono di guida morale a quella di eroe che a fatica si trattiene dal prendere a cazzotti il boss della zona.

La novità di Black Lightning è nel non offrire una storia delle origini di un eroe, ma di mostrarci nei flashback il suo ritiro. Si ironizza spesso sull’età di Pierce, non certo un giovane aitante come altri protagonisti di serie a tema supereroistico. Jefferson è un uomo maturo, con una maggior consapevolezza, che mostra di patire maggiormente il suo ruolo, oltre ad accusare la perdita di quell’ottimismo da idealismo sfrenato che caratterizza molti eroi, in favore di una visione pragmatica: se non li fermo a cazzotti, non li ferma nessuno. E quando si tratta di far volare criminali, o meglio dar loro una scossa, Black Lightning non si tira indietro.

the black lightning 1x02 2

La serie funziona proprio per questo equilibrio studiato tra figura pubblica, privata e supereroistica, cui si unisce una costruzione dinamica del ruolo della famiglia. Le figlie di Pierce sono simbolo di un’America nuova e moderna, lo stesso Pierce parla con tranquillità dell’omosessualità della figlia come fosse una cosa normale, indice di una giusta apertura che non diventa però uno sbandierare un a modernità di facciata.

Le conseguenze di questo episodio, oltre che colpire in modo piuttosto forte la comunità, hanno portato anche alla creazione di presupposti interessanti per la parte supereroistica della serie. La nuova condizione che sembra interessare una delle figlie di Pierce potrebbe esser il primo passo per una famiglia di supereroi su Netflix!

Leggiamo altro?
The Witcher: Netflix presenta i personaggi in 3 featurette
>