Libri nerd a Natale: ecco i consigli su cosa leggere sotto l’albero!

libri nerd natale

Cioccolata calda, copertina e un buon libro: ecco la ricetta per affrontare al meglio questo freddo dicembre!

Che sia un regalo per un amico, per la sorella o il fratello, o un romanzo per sé da leggere durante i giorni di vacanza, sono molti i libri nerd in tema col periodo natalizio.

Uscito da poco in tutte le librerie, l’amatissima scrittrice della saga di Harry Potter, J.K. Rowling propone uno speciale augurio di speranza e positività per il nuovo anno, con il volume Buona vita a tutti – I benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione.

Si tratta della messa per iscritto di un discorso tenuto dalla Rowling all’Università di Harvard: un inno all’importanza dell’immaginazione e del credere in sé stessi.

Nella nostra rassegna di consigli editoriali invernali a tema nerd non possono mancare due grandi classici natalizi: Il Natale di Poirot di Agatha Christie e Le lettere di Babbo Natale di Tolkien.

Entrambi gli autori stanno conoscendo un periodo particolarmente fortunato, una con l’uscita nelle sale di Assassinio sull’Orient Express e l’altro dopo l’annnuncio della produzione della serie TV  Amazon dedicata a Il Signore degli Anelli.

Due libri meno conosciuti, ma sempre in tema sono L’uomo di neve di Jo Nesbø e Nicholas Nord e la battaglia contro il re degli incubi di William Joyce.

Quest’ultimo testo vi dirà poco dal titolo, ma è il libro che ha ispirato il personaggio di Babbo Natale del lungometraggio Dreamworks Le 5 Leggende, in cui i protagonisti sono Jack Frost alla ricerca della sua identità, un carismatico ed eccentrico Babbo Natale, l’indaffarata Fatina dei Dentini e un Coniglietto di Pasqua molto poco coccoloso.

Un romanzo particolare che racconta la storia di Pitch, l’Uomo Nero, e di Nicholas Nord prima di diventare il vero Babbo Natale. Un libro che fa tornare bambini…proprio come dovrebbe essere durante il Natale!

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione

buona-vita-a-tutti-rowling

Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una “buona vita”. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità della vita. “Come un racconto, così è la vita: non importa che sia lunga, ma che sia buona”.

Il Natale di Poirot

natale-poirot-agatha-christie

Gorston Hall, Longdale, campagna inglese. Anni trenta. Natale. Le famiglie accantonano i contrasti e si riuniscono per festeggiare, a volte solo con lo scopo di mascherare odi e rivalità feroci. E infatti la riunione familiare voluta dal vecchio e tirannico Simeon Lee, che ha chiamato attorno a sé figli e nipoti, si trasforma in dramma. Il vecchio patriarca viene misteriosamente ucciso in una stanza chiusa dall’interno. L’assassino è un membro della famiglia? Tutti sono sospettabili, tutti hanno un motivo per volere la sua morte.

Le Lettere di Babbo Natale

babbo-natale-tolkien

Il 25 dicembre 1920 J.R.R. Tolkien cominciò ad inviare ai propri figli lettere firmate Babbo Natale. Infilate in buste bianche di neve, ornate di disegni, affrancate con francobolli delle Poste Polari e contenenti narrazioni illustrate e poesie, esse continuarono ad arrivare a casa Tolkien per oltre trent’anni, portate dal postino o da altri misteriosi ambasciatori. Una scelta di questi messaggi annuali, trascritti a volte in forma di colorati logogrifi, formano questa fiaba intitolata “Le lettere di Natale”, scritta a puntate da un Tolkien non tanto in vena di paterna e didattica allegria, quanto in groppa all’ippogrifo della sua fantasia filologica e ironica.

L’uomo di neve

uomo-neve-nesbo

Una notte, dopo la prima neve dell’anno, il piccolo Jonas si sveglia e scopre che sua madre è sparita. La sciarpa rosa che lui le aveva regalato per Natale è avvolta al collo del pupazzo di neve che, inspiegabilmente, quel giorno è apparso nel loro giardino. Ma quando anche una seconda donna scompare nei dintorni di Oslo, i peggiori presentimenti dell’ispettore Harry Hole sembrano prendere davvero corpo. È evidente che si trova a fronteggiare un serial killer per la prima volta in Norvegia.

Nicholas Nord e la battaglia contro il re degli incubi

nicholas-nord-joyce

 

Prima che Babbo Natale diventasse Babbo Natale, era Nicholas Nord: uno spadaccino leggendario, sempre alla ricerca di tesori e avventure. Un giorno approdò al villaggio di Santoff Claussen, dove viveva il più grande mago di tutti i tempi, Ombric Shalazar: un luogo d’incanti minacciato dal malvagio Pitch, intenzionato a trasformare i sogni di tutti i bambini della Terra in incubi spaventosi. E qui Nicholas fu costretto a scegliere: continuare a cercare fortuna o salvare il villaggio dalla terribile minaccia? Una sola la risposta possibile…

Cosa ne pesnate di questo nostro breve elenco di libri nerd per Natale? Avete qualche titolo da consigliare e consigliarci? Fatecelo sapere con un vostro commento qui sotto!

Leggiamo altro?
aristea edizioni lucca comics
Anche Aristea sarà a Lucca Comics and Games 2019