Con l’arrivo del seguito di Blade Runner, continua il dubbio sull’origine di Deckard: umano o replicante?

Blade Runner è uno dei film cult della fantascienza, un’opera unica che dal 1982, anno di uscita, ha emozionato gli appassionati. Da allora sono uscite ben sette diverse edizioni, anche se le più apprezzate rimangono la Theatrical Cut (quella con il voice over di Harrison Ford e il lieto fine), la Director’s Cut (niente voice over e lieto fine, ma inserimento della scena onirica) e la Final Cut , quello che Ridley Scott avrebbe voluto che fosse il suo Blade Runner fin dall’inizio. Tutte queste diverse edizioni hanno rimaneggiato il mito di Blade Runner, soprattutto in relazione ad uno dei personaggi chiave della pellicola: Deckard.

blade runner deckard

Il personaggio interpretato da Harrison Ford è da sempre al centro di una diatriba che lo vede a volte come un replicante altre come un umano. Le diverse versioni uscite non hanno mai chiarito del tutto questo aspetto; l’attore avrebbe voluto che il suo personaggio fosse umano, ma noi sappiamo bene come Scott avesse un’idea diversa. Nella Final Cut si è appurato quale sia la natura di Deckard, ed essendo la versione di Scott possiamo dichiarare che la faccenda sia stata risolta, con una soluzione che influenzerà anche l’arrivo del seguito diretto da Villeneuve, Blade Runner 2049.

Tuttavia, ancora oggi Ford e Scott hanno una diversa opinione su come dovesse esser inteso il personaggio di Deckard. Villeneuve, in una recente intervista con  CinemaBlend, ha provato a spiegare come la sua visione di Deckard sarà una via di mezzo delle due teorie

“Sono cresciuto con la prima versione (la Theatrical Cut, NdR), e poi, solo in seguito, ho scoperto quale fosse la vera visione di Ridley. Ed ho amato anche questa versione! La vera chiave di lettura del seguito è una via di mezzo. Perché la prima versione è la storia di un essere umano che si innamora di un essere artificiale, costruito per sembrare umano, mentre il secondo film è la storia di un esser artificiale che sta prendendo coscienza lentamente del proprio io. Sono due storie differenti”

“Credo che la chiave di lettura più corretta sia nel romanzo di Philip K. Dick,  in cui i personaggi dubitavano di sé stessi,non erano sicuri di esser replicanti o meno. Ogni tanto gli investigatori dovevano sottoporsi al test per verificare di non esser replicanti, e lo adoravo. Per questo nel film ho voluto dare a Deckard questa incertezza, lasciarlo insicuro, come siamo noi, di quale sia la sua natura. Perché lo adoro, amo il mistero. E Ridley e Harrison stanno ancora discutendo su quale sia la natura di Deckard, se li metti nella stessa stanza iniziano a discuterne, a voce alta. Vi assicuro, è davvero divertente!”

Scott ha sempre voluto rendere Deckard un replicante , nonostante la ritrosia di Ford, e la Final Cut andava in questa direzione. Il cineasta britannico sostiene che Blade Runner 2049 darà la risposta definitiva in tal senso, ma Villeneuve invece vuole mantenere ancora il mistero su Deckard.

Villeneuve cita Ma gli androidi sognano pecore elettriche?, il romanzo di Dick da cui Scott ha tratto l’ispirazione per Blade Runner, in cui Deckard non era conscio della propria natura. Utilizzare questo aspetto per Blade Runner 2049 potrebbe essere una chiave di lettura che influenzerebbe anche eventuali seguiti, se si decidesse di dare vita ad un prolifico franchise.

Fonte: Screen Rant

Leggi anche

Blade Runner 2049: la Steelbook fa la sua comparsa su Amazon

La Steelbook di Blade Runner 2049 fa la sua comparsa su Amazon Italia. Ecco i primi dettag…