Akira: Katsuhiro Otomo dice di sì al film live action

Il celebre mangaka ha dato il suo benestare all’adattamento cinematografico di Akira, il manga che lo ha reso celebre, ma solo ad una condizione…

Nel 2018 Akira, il film d’animazione giapponese del 1988, scritto e diretto da Katsuhiro Otomo e basato sull’omonimo manga, festeggerà il suo trentesimo anniversario.

Il manga originale è un lavoro epico ed il film, pur criticato inizialmente dal suo stesso autore e regista, è probabilmente uno dei migliori mai realizzati, una pietra miliare dell’animazione con le sua ambientazione futuristica e cyberpunk.

Nel 2008 Warner Bros, ha acquistato i diritti per un live action su Akira anche se, fino ad ora, i primi timidi tentativi di formare un team per la realizzazione del film sono andati a vuoto.

In una recente intervista rilasciata a Forbes, Katsuhiro Otomo ha parlato proprio di questo adattamento live-action della sua opera:

Non ho visto il live-action di Ghost in the Shell ma, per quanto riguarda Akira, ho concluso il manga originale e la versione anime. Per quel che mi riguarda ho finito con Akira. Se qualcuno vuol fare qualcosa di nuovo con Akira mi sta bene. Ho accettato l’offerta per una trasposizione cinematografica live-action, quindi mi sta bene qualunque cosa vogliano fare. Ad ogni modo, ho posto una condizione sul film: devo dare la mia approvazione sulla sceneggiatura.

Akira

Stando alle ultime indiscrezioni, in ordine di tempo, Marco J. Ramirez, showrunner della seconda stagione di Daredevil e sceneggiatore di Sons of Anarchy era stato individuato come possibile autore dello script, mentre la Appian Way di Leonardo DiCaprio dovrebbe produrre il film.

La speranza è che l’ultima parola sulla sceneggiatura da parte di Otomo, possa metterci a riparo da spiacevoli sorprese e possibili “edulcorazioni” della storia originale di Akira, senza che lo spirito del manga e dell’anime possano essere sacrificati sull’altare di un film forzatamente “per tutti”, come è accaduto in qualche misura con Ghost in the Shell.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!