Russel Crowe rivela perché ha detto no a Wolverine

Russel Crowe

Russel Crowe spiega il motivo che l’ha spinto a rifiutare il ruolo di Wolverine

Tutto quello che in futuro potrà essere detto e scritto o chiunque potrebbe negli anni a venire interpretare il ruolo del più iconico degli X-Men, non potrà in nessun modo metter in ombra la stupenda interpretazione di Wolverine fornita da Hugh Jackman.

Eppure è risaputo che l’attore australiano non era la prima scelta del regista Bryan Singer per il suo X-Men; in cima alla lista degli interpreti di Wolverine, il regista aveva un altro nome: Russell Crowe.

Nel corso di un’intervista radiofonica, il premio Oscar come Miglior Attore Protagonista ne Il Gladiatore, che presto vedremo nei panni del Dottor Jekyll nel reboot La Mummia, ha spiegato perché non ha accettato la parte del mutante artigliato:

Io e Bryan Singer eravamo molto amici e in quel periodo stava facendo molte pressioni su di me. Se ben ricordate il personaggio di Massimo Decimo Meridio aveva l’effige di un lupo al centro della sua corazza e aveva anche un lupo come compagno…a quel tempo pensavo che l’interpretazione dell’animalesco Wolverine potesse creare qualche problema. Ho rifiutato la parte perché non volevo che la gente associasse la mia figura al lupo con troppa frequenza, non volevo che mi vedessero come Mr. Wolf!

Il Gladiatore

Russel Crowe il generoso

Il rifiuto di Crowe però non è stato, per così dire “sterile” e negativo. Infatti, come più volte ammesso dallo stesso Hugh Jackman, fu proprio Crowe ha indirizzare Singer verso l’attore che poi sarebbe diventato il Wolverine per eccellenza:

Sarò sempre grato a Russell per i due ruoli più importanti della mia carriera (X-Men e Australia), non solo perché ha rifiutato ma soprattutto perché ha suggerito il mio nome alla produzione. È veramente incredibile e generoso.

Anche noi non finiremo mai di ringraziare abbastanza Russel Crowe, non solo per aver permesso il mitico Wolverine di Jackman ma soprattutto per averci regalato la superlativa interpretazione di Massimo ne Il Gladiatore, uno dei film più epici e meravigliosi della storia del cinema.

Cosa ne pensate? Secondo voi come sarebbe stato il Wolverine di Crowe? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

...e questo?
Candyman, terrore e inquietudine nel nuovo trailer del film horror