Un antico gioco da tavolo potrebbe essere stato trovato nel Mar Egeo

giochi da tavolo antichi

Da qualche tempo gli archeologi che sono impegnati n vari siti intorno al Mar Egeo e al Mar Mediterraneo, si stanno interrogando su alcune piccole sfere di pietra che, ultimamente, stanno comparendo sempre più spesso nei loro scavi, portando gli studiosi a concludere che tali reperti  potrebbero essere componenti di un antico gioco da tavolo.

Le pietre, leggermente più piccole di una pallina da golf, sono di vari colori e realizzate con materiali diversi. I primi riscontri hanno permesso agli archeologi di dividerle in due gruppi: uno formato da pietre più grandi e uno da altre più piccole.

Un recente studio, condotto da ricercatori dell’Università di Bristol e pubblicato sul Journal of Archaeological Science, suggerisce proprio come tali pietre potrebbero essere state usate come segnalini in un antico gioco da tavolo risalente addirittura all’età del bronzo.

La scoperta è stata fatta nel sito di Akrotiri, sull’isola nota ai giorni nostri come Santorini o Thera.

La prima supposizione fatta dagli studiosi di fronte a queste sfere di pietra è che si trattasse di un antichissimo sistema di conteggio, oppure di un rudimentale tipo di valuta, considerando i due diversi “formati” delle palline. Ma se così fosse, ci si aspetterebbe di rinvenire altri “tagli” di dimensioni diverse. In molti dei siti, inoltre, sono state ritrovate anche lastre di pietra scavate con segni arrotondati poco profondi che formano archi e spirali. Questi, a detta degli archeologi,  potrebbero benissimo essere degli esemplari di arcaici tabelloni di gioco.

Le pietre hanno un’età compresa tra 3.600 e 4.500 anni, il che le fa risalire all’incirca a un’epoca a cui appartiene uno dei più antichi giochi da tavolo conosciuti, come il Senet egiziano o quello scoperto un paio di anni fa in Norvegia.

Il rapporto dei ricercatori dell’Università di Bristol prende in esame la più grande collezione di tali reperti finora rinvenuta nell’area di Akrotiri, 746 sfere provenienti della città preistorica nell’isola di Thera (Santorini). Dopo che le sfere sono state valutate e sono state applicate le analisi statistiche tradizionali, è stata utilizzata anche l’intelligenza artificiale per esaminare ulteriormente le sfere e per suggerire potenziali interpretazioni della loro fabbricazione e del loro uso. La conclusione ve l’abbiamo anticipata: nel sito greco infatti è stato scoperto quello che sembra essere a tutti gli effetti un vero e proprio gioco da tavolo antico.

Il Negozio delle Necessita Mobile Ads 2