Tartarughe Ninja: un film horror è davvero in arrivo?

Tartarughe Ninja

Rhys Frake-Waterfield a quanto pare non ha intenzione di fermarsi e, dopo Winnie the Pooh, ha messo gli occhi su un altro cartone animato della nostra infanzia: le Tartarughe Ninja,serie della quale si appresta a realizzare uno dei suoi contorti e controversi film horror.

Si è parlato molto del film horror (recentemente pubblicato) Winnie the Pooh: Blood and Honey, che vede gli amati personaggi di Pooh e Pimpi impegnati a dare vita ad una sanguinosa follia omicida. Ad alcune persone l’idea è piaciuta alquanto, altri lo odiano e alcuni hanno addirittura minacciato di morte il regista.

Il regista del film è per l’appunto Rhys Frake-Waterfield, e lo stesso ha in programma di espandere il “franchise” in un contorto universo cinematografico horror formato dai più amati personaggi della nostra infanzia. Ha già un sequel in lavorazione per Winnie the Pooh e sta lavorando a brutali versioni horror di Bambi e Peter Pan.

Il regista, in una dichiarazione fatta a Collider, ha infatti commentato:

Sono stato davvero eccitato da Teenage Mutant Ninja Turtles (le tartarughe ninja per l’appunto) ultimamente, perché penso che la storia abbia comunque un sottotono molto horror. Questo perché sono metà umane e metà tartarughe, vivono nelle fogne, hanno un “re topo” di cui seguono le indicazioni, e poi escono dalle fogne con le armi.  Tutto sembra collegarsi a me. Quindi mi piacerebbe farlo. Mi piacerebbe vederli in un vicolo a fare a pezzi le persone, per darle in pasto al loro Re dei Topi sulla pizza o qualcosa del genere. Spero di poterne ottenere i diritti d’autore, ma non so se posso.”

A quanto pare, per fortuna, non c’è modo che Frake-Waterfield possa ottenere i diritti del franchise per realizzare un film horror delle tartarughe ninja. Il regista ha però sicuramente una visione piuttosto chiara di ciò che sta cercando di costruire.

Sarà comunque interessante vedere quanti film riuscirà a tirare fuori da questa “serie” che sta plasmando. Se le persone continueranno ad affollarsi nei cinema per guardare le sue pellicole, probabilmente sarà in grado di realizzarne altri.