La NatWest Bank ha lanciato il suo gioco da tavolo (e invita i clienti a giocarci in filiale)

NatWest Bank Gioco da Tavolo

Forse non è l’abbinamento che tutti si aspettavano, ma la britannica NatWest Bank ora incoraggia i clienti a passare in filiale non solo per le classiche operazioni bancarie quotidiane, ma per sedersi con la propria famiglia a giocare al loro nuovo gioco da tavolo. Il suo obiettivo è “abbattere i tabù sulle finanze familiari ed educare il pubblico britannico sulle truffe moderne, giusto in tempo per Natale“.

Il gioco da tavolo della NatWest Bank è un tradizionale gioco in stile “lancia dadi e muovi”, che aggiunge alcune carte al gameplay.  Forse, quindi, meno emozionante di quello a cui sono abituati coloro che hanno familiarità con i giochi moderni e che preferiscono titoli con maggiore complessità e meno fortuna, ma sicuramente in grado di essere giocato da un pubblico decisamente più ampio.

Sebbene si giochi in modo diverso, probabilmente trae ispirazione dal classico Monopoly che spesso compare sui tavoli nel periodo natalizio, essendo anch’esso un gioco di movimento legato al denaro. Individuare messaggi di testo sospetti ci metterà in una buona posizione, ma innamorarci di falsi investimenti o fare clic su collegamenti e-mail poco affidabili ci manderà indietro sul tracciato. È un titolo per 4-6 giocatori e si basa sui dati e sulle ricerche di NatWest.

Il gioco è incentrato sulle principali truffe identificate dalla ricerca, come phishing, e-mail false, truffe sui rimborsi, truffe romantiche e altro ancora. È stato realizzato con l’intento di educare il grande pubblico su tali truffe, dato il loro recente aumento sia in termini di numero che di tipologie.

Certo non sarà il gioco da tavolo di Natale che gli appassionati si aspettano di intavolare e resta da vedere quanti sceglieranno di sedersi nella loro filiale per una partita, ma con Jeff Brazier come volto della nuova pubblicità, che descrive tutto come “tutto molto divertente”, di sicuro il gioco da tavolo di NatWest farà parlare la gente.

Fonte