È la fine dei Supereroi per The CW, che prenderà una nuova direzione

The CW Superman

The CW si sta reinventando e, questa volta, nel suo futuro non sono previsti i Supereroi.

The CW ha trovato una nuova sede aziendale presso il gigante televisivo Nexstar Media Group e, dato che il gruppo ora possiede il 75% del network (Warner Bros. Discovery e Paramount Global possiedono il 12,5% ciascuna), sono previsti grandi cambiamenti.

Secondo il presidente del network Brad Schwartz, questi cambiamenti saranno maggiormente incentrati sulla trasmissione di contenuti per gli spettatori, le emittenti e gli inserzionisti di The CW. Nel suo annuncio, Miller ha persino lanciato una frecciatina agli ex comproprietari CBS Studios e Warner Bros. Television dicendo:

“The CW è ora gestita da emittenti il cui unico obiettivo è costruire un marchio forte e coltivare un legame emotivo con il più grande pubblico possibile. Le trasmissioni sono il loro core business. Il nostro obiettivo è fare ciò che è meglio per gli spettatori, per le emittenti e per gli inserzionisti. The CW non sarà più costruita a vantaggio di due studi di contenuti”.

Schwartz ha anche cancellato tutti gli show originali di The CW, tranne All American e Walker. All American: Homecoming è a rischio di cancellazione, così come Superman & Lois e Gotham Knights della DC.

Quando gli è stato chiesto del futuro di Superman & Lois, Schwartz ha dichiarato: “Sono stati il marchio di fabbrica di The CW per molto tempo. Mentre guardiamo avanti e cerchiamo di rendere questo network più grande e redditizio, francamente, per quanto tutti noi amiamo questi show hanno fatto il loro tempo, non stanno lavorando in modo lineare”.

E ha continuato: “Non abbiamo i diritti delle stagioni precedenti. È stato frustrante per noi, perché non si può dire alla gente di andare a recuperare Superman & Lois, che è su HBO Max ed è la trentesima priorità. È dura. Se vuoi fare affari con uno show e collegarlo al pubblico di tutto il mondo, devi avere l’intero catalogo”.

La nuova strategia di The CW consiste nell’attirare un pubblico più anziano e realizzare un profitto entro il 2025. Il network ammette che la fascia demografica 18-49 non si sintonizza sulle trasmissioni quanto gli spettatori più anziani. Ciò è dovuto in parte ai servizi di streaming e all’accessibilità che tale piattaforma può offrire.

“Il pubblico giovane e adulto oggi non ha un appuntamento fisso con le trasmissioni. Quel pubblico ha abbandonato le trasmissioni, quindi abbiamo l’opportunità di ampliare il pubblico”, ha continuato Schwartz. “Dobbiamo prendere degli show se pensiamo che possano crescere, essere redditizi, avere una grande fidelizzazione del pubblico e che possiamo commercializzare altri show”.

E ha concluso: “Il marchio CW ha un legame così appassionato con un certo pubblico ristretto, e cercheremo di tenercelo stretto. Ma dobbiamo diventare più grandi e più ampi”.

Il futuro di The CW, quindi, sembra sarà privo di supereroi.