I migliori giochi da tavolo investigativi? Eccoli

Sponsorizzato

Se vi state chiedendo “quali sono i migliori giochi da tavolo investigativi?” siete nel posto giusto. Districarsi tra i molti titoli di investigazione presenti sul mercato non è facile ma cercheremo di passare in rassegna, insieme, quali siano i migliori giochi da tavolo e di società che condividono questa meccanica.

I migliori giochi da tavolo investigativi

In questa definizione possono rientrare titoli di diverso stampo, difficoltà e ambientazione; siamo sicuri che ognuno troverà tra le nostre proposte quelli adatti ai propri desideri. Visto che parliamo di titoli dove spesso è presente molto testo, abbiamo scelto di parlare solo di giochi disponibili anche in traduzione italiana.

Ma che significa giochi da tavolo investigativi?

Parliamo di titoli alla cui base c’è un mistero o un’indagine da risolvere, e la qualità della nostra soluzione determina anche il risultato del gioco. Molto spesso si tratta di giochi da tavolo o di società collaborativi, ma esistono anche titoli i cui partecipanti sono in gara tra loro per determinare chi sia il miglior detective. A ciascuno il suo, l’importante è il divertimento, e fortunatamente esistono soluzioni di qualità per tutti i gusti di gioco.

Anche tra le ambientazioni possiamo trovare le più disparate: tra i giochi da tavolo ispirati a Sherlock Holmes, a quelli con ambientazione nel futuro, ma anche nel passato remoto; i più realistici o i più fantasiosi, anche ispirati alle opere di Lovecraft. Ce n’è davvero per tutti i tavoli; e allora, dividendoli in qualche categoria d’interesse, scopriamo assieme quali sono i migliori giochi da tavolo e di società investigativi!

Investigativi ad ambientazione fantasy e fantascientifica

In T.I.M.E. Stories i giocatori fanno parte dell’agenzia T.I.M.E., deputata a proteggere il continuum spazio-temporale dai paradossi nelle più disparate ambientazioni. Gli agenti T.I.M.E., infatti, possono viaggiare attraverso il tempo; vengono spediti avanti e indietro nel corso della Storia ovunque l’Agenzia rilevi un problema per l’integrità stessa dell’universo.

Una volta arrivati nel luogo (o meglio, al tempo!) previsto, si costruisce la scena da esplorare attraverso un mazzo di carte. Ogni incursione temporale sarà limitata dal tempo a disposizione del gruppo di investigatori, ed ogni azione come muoversi, parlare con qualcuno o anche morire per una prova di abilità fallita, ci costerà.

I materiali di gioco, così come la scatola, sono davvero eleganti, ma anche funzionali. All’interno del box, infatti, è possibile posizionare in maniera precisa i componenti in modo da “salvare” la partita; in questo modo è possibile riprendere la sessione di gioco anche in un secondo momento. T.I.M.E. Stories non è comunque adatto a giocatori troppo inesperti, e dà il meglio di sé con lo stesso gruppo di gioco in maniera continuativa. Ma non prendetelo con una regola assoluta; risulta più che godibile anche con una partita ogni tanto, se gli agenti T.I.M.E. sono quelli giusti!

I casi di T.I.M.E. Stories non sono rigiocabili, ma sono disponili numerose espansioni, edite da Asmodee, per ampliare l’avventura. Gli autori sono Peggy Chassenet e Manuel Rozoy; è possibile giocare da 1 a 4 giocatori, ma questa volta più che mai, più si è, meglio è.

La scatola base di T.I.M.E. Stories si trova A QUESTO INDIRIZZO.

Lo aspettavate, ed eccolo qui: un gioco da tavolo realmente investigativo ambientato nell’universo immaginario di H.P. Lovecraft. Mythos è edito in italiano da MS Edizioni, l’autore è Hal Eccles. L’ambientazione la conoscete bene: Arkham, Massachusetts, anni ’20 del secolo scorso. I giocatori dovranno investigare il mistero di turno, diabolico e orrorifico, sotto la guida del professor Henry Armitage della Miskatonic University; a questo mentore dovranno riferire le conclusioni una volta risolto il caso.

In una corsa contro il tempo, sarà fondamentale la collaborazione di tutti per decidere le piste più promettenti da seguire; sarà infatti impossibile verificare ogni traccia  indizio. All’interno della scatola del gioco sono presenti 8 casi, come 8 è il numero massimo di giocatori; è consigliato giocarli nell’ordine prestabilito. In particolare l’ultimo caso si rivela risolvibile soltanto conoscendo alcuni elementi delle indagine precedenti, rendendo Mythos una vera esperienza interattiva e deduttiva.

I componenti del gioco includono una mappa di Arkham, alcune copie di quotidiani locali e anche la rubrica con informazioni ed indirizzi degli abitanti. Ogni singolo caso si gioca in un tempo tra una e due ore e, vista la natura delle indagini, non lo considerate rigiocabile (a meno di aver perso completamente la memoria per le strade di Arkham!).

Potete acquistare Mythos A QUESTO INDIRIZZO.

Mysterium

Cosa fare la notte di Halloween in una grande casa lugubre se non una seduta spiritica? È proprio questa l’ambientazione di Mysterium, un gioco da tavolo di Asmodee da 2 a 7 giocatori (ma che vi consigliamo dai 4 in su) creato da Oleksandr Nevskiy e Oleg Sidorenko.

Nella grande dimora si è compiuto un omicidio, ed il fantasma della vittima chiede giustizia. Per questo il padrone di casa ha radunato i suoi amici medium, e insieme a loro interroga il fantasma in merito al crimine che ha decretato la sua morte. Ma il fantasma non ha la capacità di parlare, può solo comunicare ai medium tramite immagini gli indizi per portare a galla la verità. Attraverso i suggerimenti del fantasma, i giocatori dovranno scoprire la stanza, l’arma del delitto e il colpevole dell’omicidio.

In questo titolo un giocatore interpreta il fantasma, mentre gli altri prendono i panni dei medium. Questo titolo è pienamente collaborativo, ed anche completamente rigiocabile. Mysterium ha molti elementi in comune con Dixit; se invece voleste provare un titolo simile, ma che si configura in un uno contro tutti, dove l’uno è un traditore nascosto, il nostro consiglio verterebbe su Obscurio.

Se volete trovate Mysterium A QUESTO INDIRIZZO.

I migliori giochi da tavolo investigativi realistici

Detective: sulla Scena del Crimine è uno dei più complessi tra le nostre proposte dei migliori giochi da tavolo investigativi. I giocatori sono detective dell’agenzia Antares. Da 1 a 5 giocatori affronteranno 5 diversi casi, da giocare in un ordine prestabilito. All’inizio i casi potranno non sembrare collegati, ma durante l’indagine si scoprirà come in realtà sia tutto parte di uno schema più grande, dove degli elementi di risoluzione di un caso possono essere trovati anche negli scenari precedenti.

Una delle particolarità di questo gioco è la necessità di utilizzare un database fittizio, ma appositamente creato dagli autori del gioco, tramite connessione internet; quindi Detective: sulla Scena del Crimine va giocato affiancati da un computer o tablet. Nel database si trovano informazioni essenziali sugli elementi e personaggi del mondo di gioco. Gli autori sono Przemysław Rymer, Ignacy Trzewiczek e Jakub Łapot; l’edizione originale è di Portal Games, mentre è disponibile in italiano grazie a Pendragon Game Studio.

Detective: sulla Scena del Crimine è sicuramente un gioco che vi consigliamo se prevedete di passare un certo numero di serate con lo stesso gruppo di gioco, motivato ed abbastanza esperto. L’esperienza dei casi collegati tra loro, che lo avvicina ad un gioco legacy, lo rende davvero particolare.

Detective: sulla Scena del Crimine può essere acquistato A QUESTO INDIRIZZO.

In Italia grazie a uPlay Edizioni, Chronicles of Crime è un gioco da tavolo investigativo da 1 a 4 giocatori (anche se giocarlo in 5 o più non rappresenta assolutamente un problema). Il titolo di David Cicurel è ambientato in una Londra contemporanea, ed è proprio nei quartieri più famosi della città che ci muoveremo per risolvere l’indagine.

Un gioco da tavolo non banale, ma forse più adatto degli altri nella stessa categoria a giocatori casual. Ciò grazie alla sua particolarità che può accendere la fantasia di tutti: tramite un app dedicata, infatti, è possibile esplorare con un pizzico di realtà virtuale la scena del crimine, alla ricerca di oggetti e indizi da correlare per risolvere l’indagine. L’app stessa si utilizza durante tutto il gioco, che si basa sul visitare persone in luoghi diversi per interrogarle a proposito di altri personaggi o oggetti. Il tutto avviene tramite delle carte sulle quali è presente un QR code, da inquadrare tramite la fotocamera dello smartphone che ci restituirà le informazioni pertinenti. Sembra una cosa complessa, ma in realtà è un meccanismo davvero semplice ed immediato; l’unica cosa che si richiede è un “master” bravo a stimolare la discussione coinvolgendo tutti i presenti al tavolo nel gioco.

Questo titolo possiede già un paio di espansioni con nuovi casi e ambientazioni, nonché tre spin-off standalone ambientati rispettivamente negli anni 1400, 1900 e 2400 in dirittura d’arrivo in Italia. Trovate il titolo capositipite della serie Chronicles of Crime A QUESTO INDIRIZZO.

In questo caso parliamo di un’intera serie di giochi di società investigativi, in cui dovremo affrontare niente di meno che l’inimitabile detective di Baker Street: Sherlock Holmes: Consulente Investigativo. I giocatori sono gli Irregolari, una banda di aspiranti detective che Holmes usa nella Londra vittoriana come occhi e orecchie. Tra i materiali di gioco troviamo non solo una dettagliata mappa dell’epoca della capitale inglese, ma anche giornali, annuari ed altri elementi da spulciare in cerca di indizi importanti o informatori utili.

Il primo Sherlock Holmes: Consulente Investigativo risale addirittura al 1982; il successo del gioco ha fatto si che ne venissero proposti numerosi nuovi box negli anni successivi. Ciascuno di essi contiene una decina di casi diversi da affrontare singolarmente. Una volta risolto un caso, la nostra performance investigativa viene messa a confronto con quella del Maestro; per fare ciò si rispondono a domande sul caso, ma si valutano anche il numero di piste, utili e inutili, seguite. Inutile dire che fare meglio si rivelerà davvero difficile!

Sherlock Holmes: Consulente Investigativo ha visto numerosi autori negli anni; le ultime edizioni sono tutte curate da Asmodee. Si tratta di un titolo assolutamente consigliato anche se giocato ogni tanto, o con gruppi diversi. La spiegazione è infatti abbastanza rapida, e non è necessario aver giocato un caso per risolvere gli altri efficacemente.

A QUESTO INDIRIZZO trovate uno dei nostri Consulente Investigativo preferiti.

I migliori compatti e veloci

Sherlock

Sherlock è il gioco investigativo formato solo da un mazzo di 32 carte di MS Edizioni, e creato da Francisco Gallego ArredondoMartí Lucas FeliuJosep Izquierdo Sánchez. Nelle carte sono nascosti degli indizi, ma anche fatti non rilevanti e informazioni fuorvianti. Ciascun giocatore giocherà una carta dalla propria mano, mettendo a disposizione di tutti le informazioni contenute o scartandola, potendo condividere il contenuto della carta solo nella successiva fase di discussione. Per una spiegazione più esauriente, ma priva di spoiler sui casi, vi rimandiamo alla nostra recensione di Sherlock.

Ogni mazzo di Sherlock è un caso diverso: pubblicati in serie da 3, per ciascuna di esse si può scegliere un caso di diversa difficoltà; si giocano in circa un’ora, che può variare un po’ per la complessità dell’indagine. Si tratta di casi non rigiocabili, ma, visto il prezzo contenuto di ogni mazzo, ed il fatto che si possa giocare da 1 a 8 giocatori, il rapporto divertimento/costo è davvero inimitabile. Sherlock è una serie di titoli che si può davvero “intavolare” ovunque, compreso in spiaggia (per esperienza personale). Solo, state attenti al vento!

Potete scoprire i titoli della serie Sherlock A QUESTO INDIRIZZO.

Altra serie di giochi molto compatta è Decktective, edita da dV Giochi. La particolarità di questi titoli è che tramite un particolare posizionamento delle carte, usando la scatola stessa del gioco come supporto, si ricostruisce la scena del crimine in 3D. Compito dei giocatori è, oltre a vagliare le ipotesi grazie agli indizi sulle carte in loro possesso, analizzare visivamente la scena del crimine per scovare ogni possibilità nella risoluzione del caso. Trovate una trattazione più ampia nella nostra recensione di Decktective.

Al momento sono disponibili tre diversi casi della serie Decktective. Gli autori sono Martino Chiacchiera e Silvano Sorrentino. Si può giocare in solitario o fino a 6 giocatori, in un’ora circa di tempo. Anche qui, ci troviamo di fronte a casi non rigiocabili, nel senso che una volta conosciuta la soluzione rigiocare il caso sarebbe troppo facile. Sullo stesso stile, non di stampo investigativo ma come escape room, esiste la serie Deckscape, sempre edita dalla stessa casa editrice.

Trovate la serie di giochi Decktective di dV Giochi A QUESTO INDIRIZZO.

Il gioco non adatto ai miopi che si sono dimenticati a casa gli occhiali, MicroMacro: Crime City.

Si, dopo aver visto la mappa mi chiederete perché abbiamo deciso di inserirlo nei giochi compatti; la verità è che l’abbiamo inserito nei giochi “veloci” eheh! Il gioco da tavolo di Johannes Sich si gioca infatti utilizzando una mappa di 110×75 centimetri che mostra una città, probabilmente non la migliore in cui vivere; sì, perché la criminalità dilaga ad ogni angolo delle strade, ed è proprio in questo dedalo di indizi che i giocatori saranno chiamati a trovare le informazioni importanti per il caso che stanno affrontando adesso.

Ecco il nostro video Let’s Play in cui giochiamo in caso demo, senza quindi spoiler su ciò che troverete nel gioco.

Sono ben sedici i casi da risolvere nascosti in Crime City, e per farlo utilizzeremo anche la particolare lente d’ingrandimento inclusa nel gioco. Ciascuno di essi richiede tra i 15 e i 45 minuti per essere risolto. Ma Crime City è davvero ricca di misteri da risolvere e dettagli collegati tra loro; una volta risolti tutti i casi del gioco base potete trovarne altri sul sito dell’editore italiano MS Edizioni. Non sarà importante solo colpo d’occhio per riuscire a MicroMacro: Crime City, ma anche l’abilità deduttiva necessaria a trarre conclusioni logiche basate solo su indizi visivi.

Il gioco è da 1 a 4 giocatori, e richiede una stanza ben illuminata dove essere giocato senza rischiare di perdere ulteriori diottrie. Potete trovare MicroMacro: Crime City A QUESTO INDIRIZZO.

Giochi da tavolo investigativi competitivi

cluedo

Si, sappiamo cosa state pensando. Ma una ragione per cui Cluedo si trova in questa lista dei migliori giochi da tavolo investigativi competitivi esiste. Parliamo di un classico che non ha bisogno di presentazioni, essendo in giro dal 1949; questo ha fatto si che Cluedo sia conosciuto un po’ da tutti, condividendo la scena con titoli come Monopoli e Risiko. Ed il motivo per cui i classici diventano classici, e non finiscono nel dimenticatoio, in genere esiste!

Probabilmente non è un titolo che consiglieremmo a dei giocatori esperti, ma, grazie alla sua universalità e alla moltitudine di versioni disponibili, è davvero facile proporlo a dei neofiti; magari usandolo come grimaldello per poi proporre titoli più complessi e moderni. Soprattutto negli ultimi anni, infatti, ne sono state pubblicate moltissime versioni, ambientate nei più disparati universi cari alla cultura nerd: basti pensare che esiste la versione Harry Potter, Big Bang Theory, Game of Thrones, Rick & Morty, Batman… ce n’è davvero per tutti i gusti, incluse delle reskin specificatamente pensate per i più giovani.

Lasciamo a voi esplorare le altre edizioni diverse, quasi sempre disponibili anche nella nostra lingua, A QUESTO INDIRIZZO. Se invece preferite giochi da tavolo investigativi competitivi più moderni, non vi resta che proseguire nella lettura delle nostre ultime due proposte.

C’è gente che proprio non digerisce i giochi collaborativi, ed ecco quindi pane per i loro denti: fortunatamente esiste anche qualche soluzione per giochi da tavolo investigativi competitivi. Ne è un ottimo esempio Watson & Holmes, in cui ritroviamo il detective di Baker Street con il suo fidato amico e collaboratore; si tratta di un titolo che ricalca la struttura dei migliori giochi da tavolo investigativi non competitivi. All’interno del gioco sono disponibili ben 13 casi, non rigiocabili.

Tuttavia ce ne saranno in abbondanza di indagini: a questo titolo possono partecipare da 2 a 7 giocatori, il cui scopo è risolvere il mistero in maniera corretta e più velocemente degli avversari. Per fare ciò sarà possibile anche sottrarre indizi agli avversari, depistarli e mettergli i bastoni tra le ruote in ogni modo. Una volta che un giocatore pensa di aver trovato la soluzione, può andare al 221B di Baker Street ed esporla alla coppia di detective; tuttavia, se la soluzione è sbagliata, sarà eliminato, e dovrà condividere alcune informazioni con gli altri giocatori per il resto della partita. Se un giocatore risolve correttamente il caso vince immediatamente; è comunque possibile per i rimanenti decidere di terminare l’indagine per il gusto dell’investigazione.

Watson & Holmes è un gioco di Jesus Torres Castro, ed pubblicato in Italia da Asmodee. Ogni partita ha una durata tra i 45 e i 75 minuti e potete acquistare il gioco A QUESTO INDIRIZZO.

Solo in 2 al tavolo? Nessun problema, la soluzione è Mr. Jack, un gioco 1 contro 1 di Bruno CathalaLudovic Maublanc, in Italia si trova un’edizione multilingua di Hurrican.

Si tratta di un gioco di deduzione e movimento nascosto, con i personaggi delle opere di Arthur Conan Doyle che danno la caccia a Jack lo Squartatore. Ma la particolarità è che Jack si è camuffato, e si nasconde proprio in mezzo a loro! Gli investigatori, controllati da un giocatore, hanno il compito di scovare Jack prima che la notte finisca, in un massimo di 8 turni. Per fare ciò si avvarranno dei testimoni, in grado di scagionare i sospettati avvistati sotto la luce dei lampioni londinesi. Jack, ovviamente, dovrà evitare la cattura: può vincere non facendosi scoprire, o uscire dal quartiere di Whitechapel rimanendo nascosto nel buio, o ancora facendo accusare falsamente un altro personaggio. I personaggi, che i due giocatori si dividono in ciascun turno, hanno dei poteri particolari da utilizzare a secondo dell’intento del giocatore che li controlla.

Le partite di Mr Jack durano appena trenta minuti; se però voleste un titolo ancora più breve e portatile, degli stessi autori esiste Mr. Jack Pocket, edito in italiano da Asmodee.

Trovate Mr. Jack A QUESTO INDIRIZZO.

Questi erano secondo noi i migliori giochi da tavolo investigativi

Termina qui il nostro speciale dedicato ai migliori giochi da tavolo investigativi. Saremmo felici di avervi dato consigli utili, o di sapere se secondo voi c’è qualche altro titolo meritevole di rientrare in questa lista; come sempre, potete lasciarci un’impressione, un pensiero (o anche una critica), nei commenti qui sotto.

Ora non vi resta che afferrare la fedele lente d’ingrandimento e concentrarvi sul primo indizio!

Potrebbe interessarvi anche:

Mostra Commenti (0)
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments