Come diventare un campione nel gaming: recensione del libro-manuale di Carnifex

come diventare un campione nel gaming

Come diventare un campione nel gaming e negli eSport è senza dubbio una di quelle domande che molti appassionati di videogiochi, soprattutto giovanissimi, continuano a farsi nella speranza che qualcuno riesca a fornire loro una sorta di formula magica che sveli i segreti per l’accesso a un mondo, quello del gaming competitivo, tanto idealizzato quanto poco realmente conosciuto.

Ad accompagnarci nel primo “girone” di questo universo che è appunto il gaming competitivo ci ha pensato Edoardo Badolato aka Carnifex, con il suo libro “Come diventare un campione nel gaming” pubblicato da Mondadori Electa a inizio febbaraio e in vendita QUI.

Giocatore, o più correttamente gamer professionista di caratura internazionale, Badolato è stato uno dei primi italiani a farsi conoscere sui palcoscenici “seri” degli esport, tanto che nel 2019, insieme alla sua squadra, si è classificato sesto ai campionati mondiali di Fortnite (creative), riuscendo a portare a casa un montepremi di 250.000 dollari.

Come diventare un campione nel gaming, un po libro, un po’ manuale

Bastano solo questi piccoli accenni biografici per scatenare negli appassionati una sana ammirazione (ma forse anche una punta d’invidia) verso il classico ragazzo della porta accanto che riesce a trasformare il suo amore per i videogame in un lavoro, in qualcosa di realmente redditizio. Sono quasi certo che tanti staranno già pensando: “Beh, se ci è riuscito lui, allora posso farlo anche io che sono davvero bravo con i videogame”, “250.000 dollari? Da domani mi metto a giocare seriamente con l’obiettivo di diventare un campione esport!”.

Forse è proprio intuendo che esiste una buona fetta di gamer che desiderano avere la loro occasione, sognano un posto al sole nel mondo del gaming professionistico, ma fondamentalmente non hanno le idee ben chiare di come si possa eccellere in questo tipo di competizioni, che  Edoardo ha deciso di abbandonare per qualche momento cuffie, controller, mouse e tastiera per raccontare la sua esperienza e fornire delle fondamentali indicazioni a tutti coloro che vorrebbero emularlo. Tant’è che il sottotitolo del libro, ovvero “Consigli e segreti di un professionista degli esport” non lascia adito a dubbi.

A metà strada tra autobiografia (tutt’altro che autoreferenziale) e manuale, con sapienti aggiunte di veri e propri altruistici “trucchi del mestiere”, Carnifex (mi riferisco all’autore con il suo competitor name perché è il professionista che parla) fa di Come diventare un campione nel gaming un “prontuario” che vuole essere un primo valido aiuto introduttivo al mondo degli FPS competitivi e non solo.

Edoardo Badolato, in arte Carnifex, racconta un sogno diventato realtà in Non solo fortnite. Il suo nome di battaglia significa “tagliatore di teste” e il suo mondo è quello dei videogames. Per loro ha lasciato un lavoro sicuro e ha convinto tutti che il suo futuro era diverso da quello immaginato. Carnifex si è così immerso in un mondo di combattimenti virtuali ed ora è pagato per giocare e lo fa per otto ore al giorno da una stanza super tecnologica, allestita come base di sfide al computer. A soli ventiquattro anni, Edoardo è già un campione mondiale di Fortnite e ha già alle spalle un senso posto e un guadagno di centinaia di migliaia di euro. I tornei dei giochi elettronici sono il suo futuro: questo lo sa con certezza. Per questo, in Non solo Fortnite, Badolato racconta le sue sfide, il suo sogno diventato, giorno dopo giorno, vivida realtà. Ci è arrivato costruendo mappe studiate appositamente per esercitare alcune meccaniche del gioco, ma utilizzando anche strategie reali per esercitare la sua mira.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Edoardo Badolato (@carnifexgg)

L’esperienza di un gemer professionista

La prima cosa che cattura di questo libro è quello di essere sinceramente genuino senza “giocare” con i sogni e le aspirazioni dei lettori. Carnifex, infatti, fin da subito punta su uno degli aspetti più cruciali e importanti del mondo del gaming professionistico, ovvero quello di essere una realtà estremamente competitiva. Edoardo (stavolta mi riferisco a lui con il suo nome vero perché si mette empaticamente nei panni dei giovani appassionati di videogame) non lesina avvertenze sulle difficoltà insite in un mondo troppo spesso idealizzato e visto solo attraverso le luci dei riflettori o dell’incredibile risonanza mediatica che gli eSport stanno conoscendo negli ultimi anni.

Per questo l’onestà intellettuale alla base della fatica “letteraria” di Carnifex è encomiabile e degna di massimo rispetto, con l’autore che a volte è così maledettamente pragmatico e sincero, come quando evidenzia quanto il cervello e la prontezza dei riflessi siano fondamentali nel gaming, caratteristiche che, purtroppo, tendono ad affievolirsi con l’età a tutto vantaggio di gamer giovani e giovanissimi. Tuttavia Carnifex ci tiene a sottolineare che tutti possono avere la propria possibilità ed è per questo che la sua esperienza di gamer può essere d’aiuto.

Il libro, infatti, è soprattutto l’esposizione dell’esperienza personale di questo giovane ragazzo che ha deciso di raccontarsi e raccontare come diventa dei gamer professionisti, con il desiderio di condividere le sue conoscenze tecniche, i suoi metodi di allenamento e i dettagli da non sottovalutare quando si desidera giocare in maniera competitiva. Quello che si trova tra la pagine di questo libro-manuale è un insieme di utilissime informazioni, suddivise in argomenti ben specifici, che provengono direttamente da chi ha “mangiato l’erba” del terreno di gioco, usando una calzante metafora sportiva.

Cosa serve per diventare un campione esport

Come diventare un campione nel gaming non è lo “spell book” contenente gli incantesimi in grado di trasformare chiunque in un campione esport, ma è un libro che introduce nel mondo del gaming competitivo a piccoli passi, facendo luce sui concetti fondamentali e rappresentando un primo valido “prontuario” per coloro che non solo vogliono saperne di più, ma desiderano capire se il professional gaming può essere nelle loro corde.

Carnifex non solo racconta la sua personale esperienza come campione di Fortnite, ma accompagna il lettore alla scoperta dei principali titoli che stanno facendo la fortuna del gaming competitivo, presentandoci il mondo degli FPS, dei battle royale e non solo. Carnifex mette il lettore a conoscenza di varie metodologie di gioco, dei suoi metodi di allenamento (ribadendo come l’impegno, la dedizione e il sacrificio siano imprescindibili per ottenere dei risultati agonistici rilevanti), di come si forma un team e di come si gioca in squadra, passando dalla definizione del proprio gear di gioco. Non mancano anche fondamentali consigli per migliorare il proprio stile di gioco in ottica “agonistica” e suggerimenti sulla mentalità giusta da avere (senza alcuna velleità da mental coaching).

L’impostazione moderna del libro, con pagine di colore diverso a seconda degli argomenti (a parte qualche sezione con accostamenti cromatici forse un po’ troppo temerari) rende Come diventare un campione nel gaming un volume dalla facile consultazione e che permette al lettore di immergersi negli argomenti che più interessano senza sottostare a una fruizione sequenziale del libro.

Quindi, se vi state ancora chiedendo come diventare un campione nel gaming, questo libro (disponibile QUI su Amazon) è senza dubbio utile per giocarsi (è proprio il caso di dirlo) al meglio la propria possibilità, contando sull’esperienza di chi ci è riuscito per davvero. Nessuna scorciatoia, nessuna formula magica, ma tante informazioni utili e consigli da parte di un vero campione esport.

come diventare un campione nel gaming
Come diventare un campione nel gaming
Come diventare un campione nel gaming è soprattutto l'esposizione dell'esperienza personale di questo giovane ragazzo che ha deciso di raccontarsi e raccontare come diventa dei gamer professionisti, condividendo conoscenze, metodi di allenamento e consigli con coloro che vorrebbero far parte del mondo del gaming competitivo.
Pro
Volume ricco di consigli (e oneste informazioni) sugli esport e sul gaming competitivo
Esposizione semplice e mirata molto adatta a giovani e giovanissimi
Contro
Non sempre abbastanza tecnico
Qualche scelta grafica "opinabile"
7.2
Voto Finale
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
trofeo rill oggetti smarriti
Oggetti smarriti e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni recensione