The Promised Neverland si arricchisce con un capitolo bonus dedicato a Isabella

the promised neverland

The Promised Neverland, il manga scritto da Kaiu Shirai e disegnato da Posuka Demizu, dopo la sua conclusione si amplia ulteriormente accogliendo un capitolo bonus interamente dedicato a Isabella.

Il primo numero del 2021 della rivista Weekly Shonen Jump ha infatti rivelato che la rivista pubblicherà questo extra nel secondo numero 2021 della rivista, la cui uscita è prevista per il 14 dicembre prossimo.

È in arrivo un nuovo capitolo bonus di The Promised Neverland incentrato sul passato di mamma Isabella

La storia racconterà la “verità” sul personaggio di Isabella, antagonista della prima parte del manga, che i bambini della Grace Field House chiamano mamma ma che, in realtà, lavora al servizio dei demoni. Infatti, anche lei è stata “allevata” all’orfanotrofio ma, preso coscienza di non poter nulla contro quello che sembrava un destino già segnato, è divenuta una “mamma”.

Non si tratta della prima “estensione” del manga, dato che proprio il primo numero 2021 della rivista ha accolto sulle sue pagine un one-shot incentrato sul passato di sorella Krone. Precedentemente una storia bonus del “Capitolo 181.1” intitolato “Special Side Story: The First Shot” ha debuttato nel numero 44 della rivista il 5 ottobre, mentre un nuovo capitolo separato del manga debutterà in una mostra a Tokyo nel corso di quest’inverno.

IL manga che fin dal suo primo numero (qui potete leggere la nostra recensione) ha ottenuto un largo successo, è edito in Italia da J-POP Manga ed ha vinto il primo Amazon Comics Award durante l’ultimo Lucca Comics and Games edizione Changes. L’opera ha già ricevuto un adattamento anime e un film live action attesissimo dai fan.

Trama di The Promised Neverland

Alla Grace Field House, la vita non potrebbe essere migliore per gli orfani! Sebbene non abbiano genitori, insieme con gli altri bambini e una “mamma” gentile che si prende cura di loro, formano una grande famiglia felice.

Nessun bambino viene mai trascurato, soprattutto perché sono tutti adottati dall’età di 12 anni. Le loro vite quotidiane implicano test rigorosi, a seguito dei quali è permesso giocare all’ aria aperta.

Emma, Norman e Ray, i protagonisti della vicenda, vivono felici fin dalla nascita in questo accogliente orfanotrofio circondato da un fitto bosco. La loro illusione di normalità va in pezzi quando scoprono cosa succede davvero a chi lascia la casa per essere “adottato” e cosa nasconde il muro che delimita il bosco: ai ragazzi non rimane che ingegnarsi per cercare la fuga.

Fonte: AnimeNewsNetwork

0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
heroes reborn
Heroes Reborn: e se gli Avengers non fossero mai esistiti? Ecco il trailer della nuova miniserie Marvel